Contattaci

Cronaca

Cassazione: “Stop cannabis light, è reato”

Cassazione, si decreta che la distribuzione della cannabis light è reato.

Avatar

Pubblicato

il

Cassazione, si decreta che la distribuzione della cannabis light è reato

Ieri, giovedì 30 maggio con una sentenza della Corte di Cassazione, viene deciso che  “È reato commercializzare i prodotti derivati della cannabis light”. La Procura generale della Cassazione, rappresentata dal pg Maria Giuseppina Fodaroni, aveva chiesto alle sezioni unite della Corte Suprema di inviare gli atti alla Consulta, ma i giudici della Cassazione hanno deciso di emettere subito il loro verdetto.

La sentenza della Corte di Cassazione

Secondo la sentenza della Corte di Cassazione, la legge non consente la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti “derivati dalla coltivazione della cannabis”, compresi l’olio, le foglie, la resina e le inflorescenze. “Integrano il reato” previsto dal Testo unico sulle droghe (articolo 73, commi 1 e 4, dpr 309/1990) infatti, “le condotte di cessione, di vendita, e, in genere, la commercializzazione al pubblico, a qualsiasi titolo, dei prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis sativa L, salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante”.

Di volta in volta saranno i giudici a valutare quale sarà la soglia di “droga” che rientra nei “parametri” del legale. Il verdetto emesso quindi giovedì 30 maggio si è concluso con l’annullamento con rinvio della revoca di un sequestro di prodotti derivati dalla cannabis, come chiesto dal Pg della Corte. Nelle prossime settimane seguirà il deposito della sentenza che illustrerà quali sono le motivazioni che hanno portato i giudici a questa decisione.

Ad attendere di conoscere le motivazioni complete, l’avvocato Carlo Alberto Zaina, che assiste il commerciante di Ancona denunciato che l’ha portato a sedersi di fronte la Corte. Così Zaina commenta “Per come è scritta la massima della Cassazione non scioglie alcuni nodi, come quello della definizione dell’efficacia drogante. Aspetto la motivazione completa per capire di più di quello che ha portato alla decisione”.

Cronaca

Rifiuti Roma, mea culpa del M5S: “Abbiamo fallito”

L’ammissione di una consigliera di maggioranza mentre, scaduto l’ultimatum, la Regione è pronta al commissariamento e la Raggi valuta il ricorso al Tar. Intanto a pagare sono sempre i Romani

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Virginia Raggi e Nicola Zingaretti. Foto dal sito dell'agenzia DIRE

In un certo senso, il sindaco della Capitale Virginia Raggi è il contrario di Re Mida, il leggendario sovrano della Frigia capace di trasformare in oro tutto ciò che toccava: un’abilità che al primo cittadino di Roma farebbe estremamente comodo, soprattutto in relazione alla vexata quaestio dei rifiuti dell’Urbe – e soprattutto ora che i nodi stanno precipitosamente venendo al pettine.

È infatti scaduto a mezzanotte l’ultimatum lanciato dalla Regione Lazio con l’ormai celeberrima ordinanza del 27 novembre scorso: con la quale il Governatore Nicola Zingaretti intimava al Campidoglio di scegliere, tra i sette siti giudicati idonei dai tecnici (inclusi quelli del Comune), quello in cui dovrà essere smaltita la spazzatura della Città Eterna.

Decisione non più differibile, visto che nella stessa ordinanza veniva indicata nel 15 gennaio 2020 la data della chiusura definitiva dell’impianto di Colleferro. Tanto è vero che, «in caso di inosservanza» minacciava il documento di via della Pisana, «vengono adottate in via sostitutiva dalla Regione tutte le iniziative necessarie a garantirne l’ottemperanza, anche attraverso la successiva individuazione di uno o più soggetti attuatori delle singole prescrizioni»: che, tradotto dal burocratese, significa commissariamento.

Un’extrema ratio che Zingaretti ha esplicitamente affermato di voler evitare – anche se l’amministrazione pentastellata non glielo sta rendendo facile. In un’aperta sfida a tutti i principali attori in campo, l’Assemblea capitolina ha infatti deliberato «la disponibilità di Roma Capitale a realizzare nel proprio territorio gli impianti di trattamento e/o smaltimento, che si rendessero necessari, esclusivamente a seguito dell’approvazione del nuovo Piano rifiuti della Regione Lazio», che però al momento ha ricevuto l’ok della sola Giunta regionale: se davvero si dovessero attendere le ulteriori valutazioni (della Commissione competente e dell’aula consiliare) come vorrebbero i grillini, il sistema di raccolta dell’immondizia farebbe tranquillamente in tempo a collassare.

Tanto più che, per buona misura, l’aula Giulio Cesare ha anche votato un folle odg che boccia la costruzione di un nuovo termovalorizzatore, come previsto invece nella bozza del piano industriale approntato da Stefano Zaghis, amministratore unico di Ama (il settimo nominato dalla Raggi): il quale sembrerebbe ora orientato a virare sulle discariche, malgrado il rischio concreto di un aumento della Tari.

Per non farsi poi mancare proprio niente, la maggioranza a Cinque Stelle si è spaccata sulla proposta della consigliera M5S Simona Ficcardi, che chiedeva di individuare una molteplicità di siti di stoccaggio e smaltimento, più piccoli e distribuiti su vari municipi. Linea che è stata respinta, scatenando l’ira della Ficcardi: la quale ha litigato furiosamente con il proprio capogruppo Giuliano Pacetti e  soprattutto, è intervenuta in Consiglio comunale per chiedere scusa ai cittadini per il fallimento dei Cinque Stelle.

Il tutto mentre l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale del Governo ha certificato il flop della raccolta differenziata, che l’anno passato è calata per la prima volta dal 2011; e mentre un report allucinante di Ama ha rivelato che, su 4.300 operatori ecologici, oltre 1.500 sono «inabili a fare gli operatori ecologici», magari perché allergici allo smog o impossibilitati a sollevare carichi pesanti.

La Raggi, insomma, sembra sì avere una caratteristica in comune con il mitologico Re Mida, ma non quella che le servirebbe. E in questo marasma generalizzato non stupiscono le indiscrezioni che la vorrebbero quasi sollevata dall’idea del commissariamento, che scaricherebbe su altri la patata bollente. Forse anche per questo, malgrado l’Assemblea capitolina l’abbia esortata a «valutare la possibilità di impugnare» l’ordinanza di Zingaretti, il sindaco non sembra incline a fare ricorso al Tar. Oltretutto, in caso di sospensiva, il pericolo è che la città piombi nell’emergenza, il che porterebbe forzatamente a un intervento diretto dell’esecutivo.

Insomma, niente di nuovo sul fronte occidentale. Sempre il solito, trito, ignobile balletto, di cui rischiano seriamente di fare le spese i cittadini romani. Chapeau.

Continua a leggere

Cronaca

Terremoti, scossa di magnitudo 4.5 in Toscana: fortunatamente nessun ferito

Sciame tellurico al Mugello, nella stessa zona devastata da un sisma cent’anni fa. Panico tra la gente scesa in strada di notte sotto la pioggia, i danni peggiori a Barberino e Scarperia

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

I danni causati dal terremoto a Barberino del Mugello. Foto dal sito dell'Ansa

Era il 29 giugno 1919 quando il territorio del Mugello venne devastato da un terremoto che raggiunse l’impressionante magnitudo di 6.2 gradi e causò oltre cento vittime. Ora, a distanza di un secolo, la terra è tornata a tremare nella stessa area dell’Appennino tosco-emiliano – fortunatamente con esiti molto meno tragici.

Non ha infatti provocato feriti, ringraziando il cielo, lo sciame sismico che ha avuto come epicentri i comuni di Scarperia e San Piero e di Barberino del Mugello, nel fiorentino: circa novanta scosse registrate in dodici ore, la più forte di magnitudo 4.5 alle ore 4:37 di lunedì mattina. Scosse che in realtà sono più probabilmente legate alla faglia attivatasi nel 1542, come spiegato da Salvatore Stramondo, direttore dell’Osservatorio Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

Magra consolazione per quanti, svegliati in piena notte, si sono riversati in strada per timore di crolli, rifugiandosi anche nelle auto per riuscire a ripararsi dalla pioggia. Alla fine, comunque, i primi sopralluoghi effettuati dai carabinieri non hanno rilevato gravi danni, se non a Scarperia e San Piero, dove è stato lesionato il campanile del Convento del Bosco ai Frati, e a Barberino del Mugello, dove sono stati dichiarati inagibili la chiesa di San Silvestro e il municipio.

In ogni caso, in via precauzionale è stata decisa la chiusura delle scuole in tutto il Mugello, mentre la circolazione ferroviaria, interrotta per le verifiche del caso, è poi ripresa regolarmente dopo alcune ore.

L’INGV, tuttavia, ha invitato a non abbassare la guardia: «L’area del Mugello è nota per dare sequenze sismiche ricche di eventi» ha infatti dichiarato il sismologo Antonio Piersanti. «Nelle ore successive al terremoto di intensità 4.5 si sono verificate più di 50 altre scosse. Ci attendiamo che continueranno nei prossimi giorni, e non possiamo escludere nulla, neppure scosse di magnitudo più significativa».

Proprio per questo, il sindaco della Città metropolitana di Firenze Dario Nardella ha annunciato l’attivazione di un numero verde, mentre sono state attivate le unità di crisi: anche quella del Ministero dei Beni Culturali, al lavoro «per la verifica e la messa in sicurezza del patrimonio culturale eventualmente danneggiato dalle scosse di terremoto».

Continua a leggere

Cronaca

Vicenza, deporta il figlio in Bangladesh “per salvarlo dalla cultura occidentale”

Il 12enne era il primo della classe e un campione di scacchi, e amava leggere. L’ultimo, disperato messaggio al vicino di casa: “Aiutami, mi hanno messo su un aereo per Dacca!”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il baby-campione mentre riceve un trofeo vinto a un torneo di scacchi in Veneto. Foto dal sito di Avvenire

A soli 12 anni, era il primo della classe e un baby campione di scacchi, vincitore di vari tornei nel suo circolo locale. In più amava leggere, soprattutto classici d’avventura, da Jules Verne a Emilio Salgari a Jack London, ma anche autori più complessi come Edmondo De Amicis, Primo Levi o Anna Frank. Qualunque genitore sarebbe stato fiero di lui. Ma non i suoi. Non suo padre, un manovale originario del Bangladesh, che non poteva sopportare che quel ragazzino, nato e cresciuto nel Vicentino, a Montecchio Maggiore, stesse crescendo troppo “all’Occidentale”.

«Non lo riconoscevo più, mio figlio era diventato irrispettoso, non faceva ciò che gli veniva detto. Un giorno è arrivato a mettere in dubbio l’esistenza di Allah, un’altra volta mi ha insultato. Purtroppo, me l’hanno rovinato…». Queste le surreali parole con cui l’uomo ha spiegato l’assurda decisione di deportare Ahmed (nome di fantasia) a Dacca assieme alla moglie e agli altri due figli, di 11 e 3 anni. «Ho salvato lui e i suoi fratelli» ha confidato ai cronisti.

“Salvati” dall’influenza del vicino di casa, l’architetto Giancarlo Bertola, che aveva preso a cuore le sorti del piccolo, coetaneo di suo figlio, dopo aver saputo che era stato bocciato in prima elementare perché non sapeva una parola di italiano: era infatti rimasto sempre chiuso in casa, dove si parlava solo la lingua materna.

«Ho proposto ai genitori di aiutarlo nei compiti» ha ricordato Bertola. «Lui e il fratellino hanno preso a studiare regolarmente a casa mia, li portavo al cinema, un gelato in piazza, una pizza in compagnia». Intelligente, avido di conoscenza, Ahmed ha imparato benissimo l’italiano, tanto che in quinta elementare è stato promosso con il massimo dei voti.

E poi gli scacchi. Un’idea nata per caso, dalla constatazione che i due ragazzini non facevano alcuno sport. «È diventato un asso» ha raccontato ancora l’architetto. «Vinceva trofei al circolo locale ma non voleva portarli a casa per paura del papà».

L’uomo considerava quel passatempo una perdita di tempo, e Bertola l’origine di tutti i mali: «Quell’uomo gli ha fatto il lavaggio del cervello: ha plagiato mio figlio» la sua accusa.

Il manovale vedeva poi con preoccupazione il desiderio di Ahmed di proseguire gli studi, forse addirittura di laurearsi. Per lui, finita la scuola dell’obbligo il ragazzo avrebbe subito dovuto iniziare a lavorare. A nulla era valso l’intervento di Bertola, che su richiesta del bambino aveva spiegato ai suoi genitori che studiando avrebbe guadagnato di più: «Come risultato gli hanno vietato di uscire. A scuola andava scortato dal padre o dallo zio».

Unico contatto con l’esterno il telefonino, con cui il teenager riferiva all’amico architetto delle minacce di morte ricevute dal padre, delle percosse confessate anche nei compiti in classe. «Quando ritorno a casa, loro mi picchiano» aveva scritto a maggio. E pochi mesi dopo, a settembre, il dodicenne si era sfogato in un altro tema: «Lui ha iniziato a picchiarmi sulla testa, sulle braccia, sulla mascella e sulla schiena», e sua madre non aveva fatto nulla per difenderlo.

Alla fine erano intervenuti gli assistenti sociali, e al manovale dev’essere sembrata l’ultima goccia. Per questo ha strappato suo figlio alla vita che amava – oltretutto con l’inganno. «Aiutami, mi hanno detto che mi portavano dal medico e invece mi stanno portando in Bangladesh» è l’ultimo, disperato messaggio che Ahmed è riuscito a inviare a Bertola usando di nascosto il cellulare della madre. Era il 24 ottobre scorso, e l’adolescente si trovava già a Dubai.

Poi il silenzio. Un silenzio che però, dopo settimane, è stato interrotto per un attimo, pochi brevi istanti in cui i suoi amichetti sono riusciti a chiedere ad Ahmed quando sarebbe tornato. «Ha risposto forse tra 5 mesi, così sarà di nuovo bocciato… Altrimenti, ha scritto, a 18 anni e un giorno».

Bertola però non si rassegna. Ha scritto una lettera accorata all’attenzione del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e ha esortato l’ambasciata italiana di Dacca a fare «tutto il possibile per riportare a casa lui e suoi fratellini».

Appelli che condividiamo di tutto cuore. Perché non si dovrebbe mai spegnere la luce della speranza. Soprattutto se è la speranza di un bambino.

Continua a leggere

Cronaca

Salute, scoperta la molecola anti-Alzheimer che “ringiovanisce” il cervello

Un anticorpo individuato da ricercatori italiani favorisce la nascita di nuovi neuroni, bloccando la malattia nelle sue prime fasi: ora si potranno studiare nuove terapie

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Foto dal sito dell'ANSA

Una delle principali chimere da sempre inseguite dall’umanità, soprattutto nella fase del predominio alchemico, è certamente l’eterna giovinezza. Un elisir, una sostanza, un manufatto in grado di donare l’immortalità o riportare al vigore della gioventù sono stati ricercati per secoli: eppure, malgrado tutti gli sforzi, sono rimasti materia per opere letterarie come Harry Potter e la pietra filosofale, o cinematografiche come Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare, quarto capitolo della saga che ha per protagonista Johnny Depp nei panni dell’iconico filibustiere Jack Sparrow.

Dove però non poté l’esoterismo, si sta forse avvicinando la scienza: è stata infatti annunciata una scoperta sensazionale, che potrebbe avere ripercussioni importantissime sulla cura di patologie neurodegenerative come l’Alzheimer. Una scoperta operata da un team italiano, coordinato da tre scienziati della Fondazione EBRI (l’European Brain Research Institute, fondato a Roma da Rita Levi Montalcini) in collaborazione con il CNR, la Fondazione IRCCS Santa Lucia, la Normale di Pisa e l’Università Roma Tre.

Lo studio, pubblicato sulla rivista specialistica Cell Death & Differentiation (una sorta di spin off di Nature), si è concentrato su un particolare anticorpo di nome scFvA13-KDEL, per gli amici A13: si tratta di una molecola in grado di favorire la neurogenesi, cioè la nascita di (nuovi) neuroni, un processo che di norma dura tutta la vita ma diminuisce drammaticamente se insorgono malattie come, appunto, l’Alzheimer.

In questa specifica sindrome, la colpa di tale crollo è di una proteina chiamata β-amiloide, responsabile della formazione di aggregati tossici (gli Aβ oligomeri) che si accumulano nelle cellule staminali neurali (i precursori dei neuroni), impedendo alle nuove cellule cerebrali di venire al mondo: come dei kamikaze fisiologici specializzati nella macabra soppressione dei nuovi virgulti.

Gli scienziati dell’EBRI, però, hanno interrotto questo meccanismo perverso introducendo l’anticorpo A13 direttamente nel cervello di topi geneticamente modificati dell’età di un mese e mezzo: periodo considerato prodromico rispetto all’accumulo degli Aβ oligomeri, benché non si manifestino ancora i sintomi della neurodegenerazione. In tal modo, gli studiosi sono riusciti a recuperare quasi del tutto i deficit causati dalla fase iniziale della malattia di Alzheimer, ottenendo in pratica il “ringiovanimento” del cervello.

Certo, si tratta solo di un primo stadio, e l’eventuale traslazione dei trials clinici dalle cavie all’uomo richiederà ancora anni. Per la prima volta, però, è stato possibile neutralizzare i “terroristi biologici” prima che infliggessero danni irreversibili all’organismo.

La ricerca apre quindi la strada a nuove strategie per diagnosticare la malattia a uno stadio ancora molto precoce, nonché per studiare terapie che colpiscano gli Aβ oligomeri appena si formano dentro i neuroni. Donando forse una nuova speranza ai milioni di pazienti che in tutto il mondo lottano contro uno dei più terribili tra i morbi.

Continua a leggere

Cronaca

Rifiuti Roma, la furia di Civitavecchia contro la Raggi. Commissariamento più vicino?

Il sindaco sceglie la cittadina tirrenica nonostante le proteste e la capienza limitata della discarica, e dalla Regione Lazio arriva l’ultimatum: “Se il Comune sarà ancora inadempiente, subentreremo noi”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Virginia Raggi e Nicola Zingaretti. Foto tratta dal sito dell'agenzia DIRE

C’è una cosa di cui bisogna dare atto al sindaco dell’Urbe Virginia Raggi: quando si tratta di non decidere e scaricare ad altri le proprie responsabilità, lei è decisamente la numero uno.

Magra consolazione per i Romani – e ora anche per Civitavecchia, scelta suo malgrado per smaltire l’immondizia capitolina normalmente destinata alla discarica di Colleferro che però, com’è ormai arcinoto, chiuderà dal 31 dicembre per un periodo di 4-7 giorni. La Raggi ha agito come primo cittadino della Città Metropolitana di Roma, firmando, come riferito dall’ente stesso, «un’ordinanza per consentire il conferimento da parte di Ama di ulteriori 1.000 tonnellate al giorno di rifiuti nell’impianto di discarica di Civitavecchia», per il tempo «strettamente necessario alla riapertura della discarica di Colleferro».

Una presa di posizione che ha mandato su tutte le furie l’intera classe politica della cittadina tirrenica, a partire dal sindaco leghista Ernesto Tedesco che è inviperito anche per quella che ha definito una mancanza di «deontologia amministrativa», avendo saputo tutto dalla stampa anziché dalla diretta interessata. «È inaccettabile» ha tuonato a favor di agenzie, «questa città non è la pattumiera di Roma. Raggi non può pensare di scaricare sulla nostra città la sua incapacità amministrativa».

Sulla stessa linea, non sorprendentemente, anche Fratelli d’Italia, così come, in maniera già più inattesa, Italia Viva: ma anche – e questo è decisamente più sbalorditivo – lo stesso gruppo consiliare del M5S in via della Pisana. Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio, il pentastellato Devid Porrello, ha infatti ricordato che «la discarica di Civitavecchia non è in grado tecnicamente di accettare tutti i rifiuti che dovrebbero arrivare da Roma», oltre a stigmatizzare il comportamento del Campidoglio «perché il ricorso allo strumento dell’ordinanza da parte dell’ente metropolitano per risolvere i problemi del Comune di Roma denota una mancanza di rispetto per i territori che in questi anni si sono fatti carico della situazione rifiuti della Capitale».

Dal centrodestra locale varie voci hanno invocato il commissariamento «per l’emergenza rifiuti della Capitale e del Lazio»: ipotesi che ora potrebbe essere più vicina.

«Non possiamo consentire che la Capitale sia travolta da una gravissima emergenza igienico-sanitaria» è stato infatti l’ultimatum dell’assessore regionale ai rifiuti Massimiliano Valeriani. «Se non agisce la Raggi, agiamo noi» con i poteri sostitutivi, vale a dire con una nuova ordinanza che obblighi la giunta grillina a una serie di interventi, tra cui l’individuazione dei siti di stoccaggio. «La novità è che, se l’amministrazione capitolina questa volta sarà inadempiente, subentreremo noi» ha ammonito ancora Valeriani.

Prospettiva che, secondo indiscrezioni di stampa, potrebbe peraltro non essere così sgradita alla Raggi: la quale si toglierebbe parecchie castagne dal fuoco, potendo delegare – e, quindi, imputare – ad altri scelte che l’elettorato del MoVimento non accetterebbe mai di buon grado.

Il tutto mentre a gettare benzina sul fuoco ci ha pensato l’ennesimo servizio delle Iene, che ha colto gli operatori di Ama (la municipalizzata capitolina per i rifiuti) mentre, in orario di lavoro, fanno di tutto, dal fare la spesa al rifocillarsi in locali per la ristorazione, dal flirtare con le colleghe al giocare col telefonino, dal duplicare le chiavi di casa allo schiacciare un pisolino – tutto, tranne raccogliere la spazzatura.

Malgrado tutto, però, il difetto più grave resta nel manico, in quell’ignobile teatrino che la Raggi e Nicola Zingaretti farebbero bene a far cessare al più presto, dandosi piuttosto da fare per evitare lo scoppio di una crisi gravissima. Anche perché è vero che i Romani sono celebri per la pazienza. Ma, per quanto vasta essa possa essere, di certo non è infinita.

Continua a leggere

Cronaca

Rifiuti Roma, continua lo scaricabarile tra Zingaretti e Raggi

Dal 31 dicembre, con la chiusura della discarica di Colleferro, sarà emergenza. Comune e Regione la smettano di fare i capricci e si impegnino per evitare la crisi

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Virginia Raggi e Nicola Zingaretti. Foto dal sito dell'agenzia DIRE

Test per l’esame di giornalismo. A proposito dell’emergenza rifiuti che sta opprimendo (in tutti sensi) la Capitale, il candidato consideri che:

a) Il sindaco di Roma Virginia Raggi ha chiesto a Nicola Zingaretti di individuare urgentemente un sito in cui smaltire «circa 100 tonnellate al giorno di scarti di rifiuti».

b) Il Governatore del Lazio le ha risposto che «la legge prevede che devono essere l’amministrazione comunale o Ama a individuare il sito in cui conferire i rifiuti e la Regione, entro le sue competenze, qualora fosse necessario, a autorizzare il conferimento».

c) Sempre Zingaretti ha imposto la chiusura momentanea dell’impianto di Colleferro, che avverrà il prossimo 31 dicembre col rischio che l’Urbe venga letteralmente sommersa dall’immondizia.

d) Nel frattempo la Prefettura capitolina, d’intesa con la Regione, ha individuato un’area dove realizzare il centro di stoccaggio provvisorio dei rifiuti (probabilmente a Falcognana, sull’Ardeatina): ma il primo cittadino si ostina pervicacemente a opporsi, perché non vuole l’impianto sul territorio comunale – di più, nei comunicati ufficiali del M5S non appare mai la parola “discarica”.

e) Intanto la Raggi ha chiesto – e, pare, ottenuto – un incontro immediato col Ministro dell’Ambiente Sergio Costa al fine di scongiurare una «gravissima crisi». Resta il fatto che il piano regionale dei rifiuti impone che la città dei Sette Colli divenga autosufficiente in materia.

f) Costa ha sottolineato che la legge non gli consente «di commissariare Roma». Ma l’assessore regionale al ciclo dei rifiuti, Massimiliano Valeriani, ha ammonito il Campidoglio: «Se il Comune non individuerà nelle prossime ore soluzioni che gli competono per i compiti di raccolta e smaltimento, useremo i poteri sostitutivi per superare la loro inerzia».

g) Per tutta risposta, la Raggi ha annunciato di star «lavorando a un’ordinanza che autorizzi il conferimento di una maggiore quantità di rifiuti urbani nella discarica di Civitavecchia». Si tratterebbe comunque di una soluzione temporanea, «in attesa che la Regione indichi i siti definitivi per lo smaltimento dei rifiuti come previsto dalla normativa».

h) Per aggiungere al danno la beffa, i Romani pagano la Tari (l’imposta sui rifiuti) più alta del Lazio – e una delle più salate tra le grandi città. Anche perché la spazzatura della Capitale viene parzialmente smaltita in altre Regioni, o addirittura all’estero.

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da termini quali “ambulanza”, il fatto che, in mezzo a questo pandemonio, la Raggi non ha trovato di meglio da fare che cambiare, con criteri del tutto ideologizzati, la toponomastica della Città Eterna.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, la Raggi dà i numeri e De Sica la asfalta: “La città sembra Baghdad”

Benché la Capitale sia 76esima per qualità della vita, il sindaco è entusiasta del miglioramento. Ma il grande attore la riporta a una realtà che è del tutto diversa

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Foto tratta da Funweek

Dice un vecchio adagio che la matematica non è un’opinione. Sarà, ma in politica è decisamente invalso l’uso di interpretare i numeri – soprattutto di quelli poco favorevoli -, pratica che riesce a relativizzare perfino ciò che maggiormente appare irrelativizzabile.

Un esempio è la classifica annuale sulla qualità della vita nei capoluoghi italiani, che vede Roma relegata al settantaseiesimo posto. Una posizione assai poco invidiabile, soprattutto se si considera che i capoluoghi in tutto sono 109.

Ma il sindaco della Capitale Virginia Raggi la pensa diversamente. Anzi, è addirittura entusiasta. «Lo scorso anno eravamo all’86esimo posto» ha infatti commentato via social. «Dai numeri si può intuire lo sforzo che stiamo facendo, ricostruendo una città dalle macerie».

Iniziativa comunque lodevole, anche omettendo il piccolissimo dettaglio che alle macerie ha contribuito – e non poco – la stessa giunta pentastellata. Però, se pure le cifre possono essere manipolate, la realtà sfugge invece a qualsiasi contraffazione. E la realtà capitolina è fatta di strade dissestate, traffico congestionato, trasporti pubblici esasperanti, raccolta dei rifiuti carente (sono tutti eufemismi).

«Roma è Baghdad dopo un bombardamento. Una città meravigliosa rovinata dalla maleducazione di alcuni Romani e dai politici che non se ne sono occupati e non hanno intenzione di occuparsene» si è sfogato per esempio un figlio del Campidoglio come Christian De Sica, aggiungendo di avere ormai difficoltà a vivere nella sua città.

Dichiarazioni che appaiono ancor più significative se si pensa che il grande attore ha anche collaborato con l’attuale amministrazione grillina, prestando il suo volto come testimonial in una campagna contro l’abbandono degli animali. Ciononostante, il primo cittadino va «avanti a testa alta».

Buon per lei, meno per i Romani. Perché l’avanzamento che fa tanto gongolare la Raggi potrebbe anche avere una spiegazione del tutto diversa: la Città Eterna infatti potrebbe  essere avanzata in graduatoria anche con un maggiore (o uguale) degrado, solo perché altri dieci comuni sono riusciti nell’impresa di fare peggio.

Un’ipotesi che, visto lo stato in cui versa l’Urbe, non può essere scartata a priori. E che fa pensare che, almeno per quanto concerne il dissesto stradale, il sindaco potrebbe risolvere parecchi problemi proprio prendendo esempio da De Sica: delle cui capacità asfaltatrici ha appena avuto – e sulla sua pelle – un saggio magistrale.

Continua a leggere

Cronaca

Cancro al seno, da una ricerca Usa arriva una nuova speranza

Scoperto il meccanismo con cui un enzima “aiuta” la diffusione delle metastasi: lo studio apre la strada a nuovi farmaci che ne inibiscano l’azione

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Cancro al seno. Photo credit: Università della California di San Francisco

Ogni tanto fa piacere essere latori di una buona notizia, soprattutto se riguarda una scoperta scientifica che potrebbe avere un impatto importante sulla cura di una delle peggiori malattie esistenti. Un team di ricercatori dell’Università di San Francisco ha infatti ricostruito, assieme ad alcuni colleghi israeliani, il meccanismo con cui si diffondono le metastasi del cancro al seno, aprendo così la strada allo sviluppo di nuove terapie anti-tumorali.

Il “colpevole” è un enzima chiamato MMP9 (sigla che sta per “Metalloproteinasi della matrice 9”), di cui era già noto il coinvolgimento nel processo di disseminazione neoplastica. In particolare, si sospettava che creasse all’interno dei singoli organi delle “nicchie metastatiche” in cui le cellule malate potessero nascondersi agli occhi del sistema immunitario: un po’ come un infiltrato che offra una base d’appoggio sicura a un kamikaze pronto a colpire – o, per gli appassionati di Star Trek, come un dispositivo di occultamento.

Lo studio, pubblicato sulla rivista “Life Science Alliance”, ha quindi preso in esame questo traditore biologico, il cui modus operandi è stato analizzato nei topi di laboratorio affetti da un sottotipo di carcinoma – il luminal B – caratterizzato da un’alta proliferazione. È stato così creato un particolare anticorpo (SDS3) destinato a riconoscere e attaccare solo la forma attiva dell’enzima – una sorta di marine addestrato a rintracciare e rendere innocuo unicamente il complice del tumore.

Si è così potuto appurare che l’inibizione di MMP9 blocca la crescita metastatica nei polmoni (gli organi su cui si erano concentrati gli sperimentatori), e favorisce la risposta immunitaria reclutando e attivando delle specifiche citotossine: che, in pratica, significa che SDS3 non solo lascia le metastasi prive di qualsiasi protezione, ma ingaggia anche i cecchini che andranno a distruggerle prima che possano colonizzare – e danneggiare – altri organi.

Questi dati potrebbero portare alla progettazione di moderne strategie anti-cancro volte a colpire specificamente l’enzima MMP9: in più, il fatto che l’anticorpo “si allei” col sistema immunitario suggerisce una curiosa eterogenesi dei fini, per cui un nuovo farmaco potrebbe permettere anche di superare la resistenza all’immunoterapia. Donando così una rinnovata speranza a milioni di malati in tutto il mondo. Cui auguriamo di tutto cuore, come avrebbe fatto il signor Spock, «lunga vita e prosperità»!

Continua a leggere

Cronaca

Roma: vanno al lavoro e timbrando il cartellino scoprono il licenziamento

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Andare al lavoro come ogni mattina, strisciare il proprio badge e scoprire solo così, in quel momento, di aver praticamente perso la propria occupazione. Succede anche questo al giorno d’oggi – e non succede nella Repubblica delle Banane, bensì nella Capitale d’Italia.

Protagonisti, loro malgrado, circa cinquanta dipendenti della Juwelo, società del gruppo Elumeo che opera nel settore delle televendite di gioielli. Pare che l’azienda sia recidiva, avendo già agito allo stesso modo nelle sedi estere del Regno Unito e della Thailandia.

Cancelli chiusi, tesserini disattivati, turni del personale cancellati dal sistema informatico. E poi l’improvviso invito a una riunione d’urgenza in un ristorante vicino, dove il Presidente della società Wolfgang Boye e l’Ad Tiziano Ricci hanno comunicato ai lavoratori l’imminente chiusura della sede romana, poiché non vi è più la disponibilità economica per il pagamento degli stipendi. Eventualità che i dipendenti sperano di riuscire a scongiurare attraverso un presidio.

Una storia di ordinaria assurdità in una Nazione che sta affrontando (senza riuscire a risolverle) crisi gravissime come quelle dell’ex Ilva, Alitalia e Whirlpool. Ma forse sono ancora più serie le condizioni di tante imprese medio-piccole – e per ciò stesso meno “appariscenti” -, che pure sono una colonna portante dell’economia. Realtà che non irromperanno mai nei titoli di giornali e televisioni, ma la cui agonia è lo specchio di quella che è forse la più profonda e la più preoccupante delle crisi.

A inizio anno, Unioncamere ha certificato che, su cinque nuove aziende medio-piccole, due sono costrette a chiudere entro il primo quinquennio di attività. Ma un Paese che non riesce a sostenere i suoi imprenditori, un Paese che non sa appoggiare chi può e vuole creare ricchezza – è un Paese che non ha futuro. Anche se nella sua Costituzione c’è scritto che è un Paese fondato sul lavoro. Requiem per un sogno.

Continua a leggere

Cronaca

“Mafia Radicale”, arrestato membro del Comitato nazionale del partito della Bonino

Antonello Nicosia sfruttava i ruoli in politica per fare da tramite tra boss al 41 bis e cosche. Chiamava Messina Denaro “Primo Ministro” e insultava Falcone: “sua morte un incidente sul lavoro”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Foto tratta dal sito di AgenPress

Definiva la morte di Giovanni Falcone nella Strage di Capaci «un incidente sul lavoro», e chiamava la primula rossa Matteo Messina Denaro «il nostro Primo Ministro». Antonello Nicosia, 48enne assistente parlamentare e membro del Comitato nazionale dei Radicali italiani, è tra i cinque arrestati nell’ambito dell’operazione “Passepartout”, condotta dai militari della Guardia di Finanza di Palermo e Sciacca, dai Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Agrigento. Tutti i fermati, tra i quali spicca il presunto capomafia saccense Accursio Dimino, sono accusati di associazione mafiosa e/o favoreggiamento.

In particolare, l’esponente del partito che fu di Marco Pannella avrebbe, secondo i Pm della Dda di Palermo, approfittato di alcune ispezioni nelle carceri siciliane per portare all’esterno messaggi e ordini di boss in cella – alcuni dei quali sottoposti a 41 bis. Visite che gli erano concesse in virtù dei suoi ruoli di assistente parlamentare, conduttore del programma televisivo e via web “Mezz’ora d’aria” e direttore dell’Osservatorio internazionale dei diritti umani, onlus che si occupa della difesa dei diritti dei detenuti – il che ora suona vagamente ironico, come un anticipo sulla legge del contrappasso o un perverso conflitto d’interessi.

Non solo: per la Procura di Palermo Nicosia sfruttava l’appartenenza politica anche per cercare di far alleggerire il regime di 41 bis e far chiudere determinati istituti penitenziari.

Agghiaccianti le intercettazioni in cui scherniva e insultava il giudice assassinato da Cosa Nostra nel 1992. «All’aeroporto» di Palermo, diceva, «bisogna cambiare il nome. Non va bene Falcone e Borsellino». E su Facebook si lamentava delle troppe scuole intitolate ai due martiri civili, proponendo di dedicare piuttosto alcuni istituti al Mago Zurlì e alla fondatrice del Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna, Mariele Ventre.

Dichiarazioni gravissime e vergognose secondo l’attuale deputata di Italia Viva (ex LeU) Pina Occhionero, che lo aveva avuto come collaboratore per quattro mesi, prima di rendersi conto che Nicosia aveva falsificato il proprio curriculum, oltre a millantare studi sui diritti umani dei detenuti.

L’onorevole è completamente estranea alla vicenda, anche se l’house organ ufficioso del M5S ha malignamente costruito il titolo del suo pezzo online in modo da far pensare che vi fosse del non detto. Altrettanto malignamente, forse il partitino della Bonino non è così “pericoloso” né ostile come la formazione di Matteo Renzi. O magari, restando su un piano giornalistico, è solo che si pensa tiri più la cara vecchia “Mafia Capitale” di questa nuova, sconcertante (e meno utile) “Mafia Radicale“.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, la notte più nera. Due aggressioni, muore personal trainer 24enne

Luca Sacchi ha reagito a una rapina per difendere la sua ragazza, gli hanno sparato in testa in zona Caffarella. E a Termini un cinese è stato accoltellato alla gola, è gravissimo

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Photo credit: https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/19_ottobre_24/morto-luca-sacchi-chi-era-il-ragazzone-buono-appassionato-moto-palestra-59394aae-f651-11e9-852d-8d5c113e41ca.shtml

Nella sua notte più nera, la Città Eterna si è riscoperta una Roma violenta. Come se non fossero bastati casi che hanno avuto anche un’importante risonanza mediatica, come se gli agguati al nuotatore Manuel Bortuzzo o al musicista Alberto Bonanni fossero stati anche inutili, oltre che assurdi. E così il sangue è tornato a scorrere per le strade della Capitale, che ora piange uno dei suoi figli, vittima di un’oscurità che non lascia alcuna buona azione impunita.

Aveva solo 24 anni, Luca Sacchi, e faceva il personal trainer. Stava passeggiando assieme alla sua fidanzata in via Teodoro Mommsen, nei pressi del Parco della Caffarella, quando due malviventi hanno aggredito la ragazza, colpendola violentemente alla testa e alle spalle per strapparle lo zainetto. Il giovane ha provato a reagire, più per difenderla che per opporsi alla rapina, ma uno degli aggressori gli ha sparato alla testa prima di dileguarsi con il suo complice.

Trasportato d’urgenza al San Giovanni, Sacchi è stato immediatamente sottoposto a intervento chirurgico: ma le sue condizioni erano apparse subito disperate, e il giovane se n’è andato dopo ore di agonia.

Gravissimo è anche un trentenne cinese accoltellato alla gola in via Giolitti, di fronte alla stazione Termini. Anche in questo frangente i due responsabili hanno fatto perdere le proprie tracce, mentre è ancora ignoto il movente dell’aggressione.

I due episodi – soprattutto il primo – hanno riportato in primo piano il tema della sicurezza nell’Urbe, e scatenato nuovamente la polemica politica. Nel pieno rispetto delle scelte dei vari leader, forse poteva essere più opportuno limitarsi a esprimere il proprio dolore.

Cantava il bolognese Luca Carboni che la sua era una «città senza pietà». Dopo quasi trent’anni, i nostri centri abitati corrono forse un rischio addirittura peggiore – quello dell’assuefazione alla violenza, una violenza così radicata da non sembrare più neppure senza senso. Non si può ignorare che anche l’indifferenza uccide – forse in maniera perfino più efferata. Speriamo che Roma abbia la forza di ribellarsi prima di arrivare a scoprirlo.

Continua a leggere

Cronaca

Assenteismo, 48 indagati nel Catanese, facevano timbrare il badge anche a dei ragazzini

Le irregolarità anche in presenza della polizia, tanto che la Procura ha parlato di “elevata percezione di impunità”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Photo credit: https://www.ilmessaggero.it/italia/catania_assenteismo_badge_bambini_comune_genitori_ultime_notizie-4803432.html

C’è una mentalità fin troppo diffusa che porta alcuni a credere di essere i più furbi dei furbi: anzi, dei furbetti, considerato che l’argomento è l’assenteismo.

Il caso contingente proviene da un paesino del Catanese di nome Piedimonte Etneo, in cui 48 dipendenti comunali hanno ricevuto un avviso di conclusione indagini che ipotizza il reato di truffa aggravata in concorso. Questi (ennesimi) furbetti del cartellino si assentavano sistematicamente «dal posto di lavoro per dedicarsi alle attività più disparate», timbravano il badge per colleghi che a volte neppure si presentavano in Comune, e alcuni utilizzavano l’auto comunale a fini privati ritenendo di non «ricevere un salario adeguato per l’attività lavorativa, peraltro “mai svolta”», come evidenziato dalla Procura di Catania.

Ma l’aspetto più ignobile della vicenda è il fatto che alcuni degli indagati non esitavano a servirsi anche di ragazzini, che vidimavano il cartellino dei propri familiari. In un’occasione, l’irregolarità è stata commessa addirittura alla presenza di un’ispettrice della polizia municipale.

In effetti, come ha sottolineato la Procura, i dipendenti erano «vincolati, in molti casi, da rapporti di parentela e, quindi, reciprocamente animati da una eccessiva “comprensione” anche di fronte a plateali violazioni di legge»: da cui quella che stata definita «elevata percezione d’impunità».

Fin qui la cronaca, che fa quasi pensare che in fondo l’house organ ufficioso del M5S potrebbe non avere tutti i torti: poi ci sono i risvolti socio-antropologici. Stendiamo un velo pietoso sullo sfruttamento di minori con scopi illeciti – anche se la recente intercettazione del mafioso che esortava il figlio di 10 anni a essere orgoglioso di far parte della ‘ndrangheta fa supporre che questo malcostume sia tragicamente esteso.

Tralasciando questo aspetto, il dato più sconcertante è che, nonostante le decine di casi analoghi già sventati in tutta Italia, c’è ancora qualcuno che incredibilmente pensa di farla franca: dimenticando che il diavolo fa sì le pentole, ma non ha mai fatto i coperchi.

Alla prossima puntata, quindi, poiché non c’è dubbio che qualcuno in questo momento gongoli tra sé e sé pensando soddisfatto di essere più intelligente, più astuto, più furbo dei furbetti che si sono fatti scoprire. A conferma che la Storia sarà pure maestra di vita, ma continua ad avere dei pessimi allievi.

Continua a leggere

Primo Piano