Contattaci

Politica

Riforma prescrizione, l’ennesimo no di Renzi può affossare il Governo

L’intesa M5S-Pd-LeU bocciata dall’ex Rottamatore: “Hanno fatto male i conti”. Il Premier Conte stizzito avverte: “Ora basta rinvii”. E sfida Iv a votare contro il provvedimento

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Alfonso Bonafede e Matteo Renzi. Foto dal sito di The Social Post

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri i seguenti titoli inerenti il vertice di maggioranza sulla riforma della prescrizione targata Alfonso Bonafede, che ha portato a un’entente cordiale tra M5S, Pd e LeU e al gran rifiuto di Italia Viva:

a) «Scontro sulla prescrizione, accordo M5S-Pd-Leu: i renziani dicono no» (La Repubblica. L’accordo sarebbe sul cosiddetto “lodo Conte bis”, e magari l’ex Rottamatore fa i capricci solo perché pretende i proventi del copyright).

b) «Prescrizione, intesa Pd-M5S-Leu. Ma Renzi dice no: “Se ci voglion cacciare lo dicano”. Conte: “Basta rinvii”» (Corriere della Sera. Non è però del tutto chiaro se il fu Avvocato del popolo voglia accelerare sull’approvazione del provvedimento o sul siluramento di Iv).

c) «Prescrizione, Renzi: “Il governo non ha i numeri sull’accordo, io non lo voto. Trovano altri voti? Suggerirei prudenza”» (Il Fatto Quotidiano. L’evoluzione del celeberrimo “Stai sereno”).

d) «Prescrizione, ora Renzi minaccia l’appoggio esterno. Conte: votino contro» (La Repubblica. Più che altro si tratterebbe di una spinta verso il baratro).

e) «Matteo Renzi cerca la crisi: “Non voto l’accordo a tre sulla prescrizione. Il governo non ha i numeri”» (Libero. Però li dà, i numeri).

f) «Vertice sulla prescrizione. Maggioranza compatta: ora sono tutti contro Renzi» (La Verità. Ecco quali erano i termini dell’intesa rosso-gialla).

g) «Matteo Renzi: “Italia Viva farà cadere il governo? Assolutamente no. Ma sulla prescrizione hanno fatto male i conti”» (Huffington Post. E hanno pure sbagliato Conte, visto che il famigerato lodo non è di Giuseppi, bensì di Federico, deputato di LeU).

h) «Prescrizione, Renzi conferma il no all’accordo e accusa il Pd: “Cede al populismo dei 5 Stelle”» (Open. Il che dà la perfetta misura del Travaglio dei dem).

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da espressioni quali “faccia di… bronzo”, la seguente dichiarazione del bi-Premier Giuseppe Conte riportata da La Repubblica: «È stato trovato il punto più avanzato di mediazione».

Mirko Ciminiello è nato a Rimini nel 1985 e vive a Roma, dove si è laureato in Chimica (triennale) e Chimica Organica e Biomolecolare (specialistica) alla Sapienza, in Scienze della Comunicazione (triennale) e Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione (magistrale) a Roma Tre. Attore per hobby, collabora con l'associazione Pro Vita e Famiglia ed è autore di 9 libri, di cui due in inglese.

Politica

Covid-19, ecco cosa fingono di non vedere i critici di Orbán

Il Premier Conte gestisce la crisi in modo draconiano, l’Europa continua a prenderci in giro, e rispuntano le Ong. Ma per alcuni la vera emergenza sarebbe lo stato della democrazia ungherese

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Foto dalla pagina Facebook del Premier ungherese Viktor Orbán

Test per l’esame di giornalismo. Ancora in relazione all’emergenza coronavirus, il candidato consideri che:

a) Il bi-Premier Giuseppe Conte, che in forza dello stato di emergenza da lui stesso dichiarato può governare a colpi di Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dopo aver compresso ogni possibile tipo di libertà, dopo aver istituito la sedicente “Unità di monitoraggio per il contrasto della diffusione di fake news relative al COVID-19 sul web e sui social network” (con l’irrilevante corollario che è proprio l’esecutivo rosso-giallo a stabilire cosa sia fake news e cosa no), e mentre ragiona sulla possibilità di rinviare le elezioni amministrative, ha posto la fiducia sul Decreto “Cura Italia”. Ma il problema sarebbe lo sciacallaggio delle opposizioni di centro-destra.

b) L’Eurogruppo ha deciso di non decidere e si è preso due ulteriori giorni di riflessione, proprio come aveva fatto il Consiglio Europeo aggiornando l’ultima seduta di due settimane. E Quinto Fabio Massimo, politico e generale dell’antica Roma, ha ceduto tutti i diritti sul soprannome di “Temporeggiatore”.

c) Il Governo, dichiarando gli approdi italiani “non sicuri” a causa dell’emergenza Covid-19, ha chiuso i porti in faccia alla Alan Kurdi, nave della Ong tedesca Sea eye che persevera nel vezzo giulivo di scarrozzare illegalmente – pardon, salvare – migranti irregolari; e contestualmente ha esortato Berlino a farsene carico. Senza condizionalità.

d) Mentre il basket e la pallavolo hanno deciso di fermare il campionato senza assegnare lo scudetto e bloccando promozioni e retrocessioni, come aveva già fatto il rugby, nel calcio asservito al dio denaro il presidente della Lazio Claudio Lotito ha sfoggiato nuove inaspettate competenze cliniche, asserendo che per la ripresa degli allenamenti «non ci sono controindicazioni medico-scientifiche». E niente, questa fa già abbastanza ridere di suo.

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da termini quali “delirio”, il fatto che del caso di Vitkor Orbán, il Premier magiaro dotato delle stesse prerogative di Giuseppi ma, a differenza sua, autorizzato dal Parlamento di Budapest, si scrive che ha «minato la democrazia ungherese» (La Repubblica), che il suo «concetto di democrazia è primitivo» (Corriere della Sera), che «si comincia con il limitare le libertà e si finisce con il limitare la democrazia» (Il Foglio), che vi è una «pretesa “cristiana” delle democrazie illiberali» (Avvenire) e, dulcis in fundo, che si tratta di un «colpo di Stato» (Il Riformista).

Continua a leggere

Politica

Coronavirus, le farneticazioni 2.0 indice del ritorno verso la normalità

Dai nuovi allarmi contro il revival del fascismo alla task force contro le fake news sul virus, si riaffacciano i vaneggiamenti, ed è un buon segno: infatti i contagi continuano a scendere e si inizia a pensare alla fase 2

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Coronavirus. Foto dal sito dell'ANSA

«C’è evidenza che la curva epidemica ha raggiunto il suo plateau e adesso ha iniziato la discesa. Fortunatamente ha iniziato la discesa anche il numero dei morti che è un altro dato estremamente importante». La buona notizia (benché le cifre sui decessi continuino a ballare) era venuta direttamente dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, che aveva anche aggiunto che «dovremo cominciare a pensare a una fase 2 che però si può pensare se questi dati si confermano».

Questo secondo stadio, che il bi-Premier Giuseppe Conte aveva definito come periodo della convivenza con il virus, dovrebbe lentamente spianare la strada alla fine del lockdown e al ritorno alla vita quotidiana. Di cui, peraltro, iniziano a moltiplicarsi gli indizi: perché, dopo un periodo di quiescenza dovuto all’emergenza coronavirus, sono tornate ad affacciarsi, dapprima timidamente, poi sempre più con l’abituale invadenza, le usate farneticazioni.

Naturalmente, il primo vaneggiamento a fare capolino non poteva che essere quello ancestrale, l’allarme per un fascismo 2.0 che non ha nessuna ragion d’essere e, per l’occasione, ha vestito i panni del Premier magiaro Viktor Orbán, reo di aver ottenuto dal Parlamento di Budapest i pieni poteri per meglio opporsi alla crisi da coronavirus: cioè la stessa cosa che ha fatto il fu Avvocato del popolo, però nelle segrete stanze di un Consiglio dei Ministri attraverso la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

Poi erano iniziati, più o meno in contemporanea, i grandi ritorni dal dimenticatoio. Quello ittico guizzato direttamente nel tubo catodico, subito seguito dai deliri dei giovani verdi in versione sciopero digitale – per cui si attende un apposito decreto chiarificatore dalla Svezia.

Nel frattempo, non poteva mancare l’ossessione precipua, quella per il segretario della Lega Matteo Salvini: che stavolta ha fatto scattare l’avito riflesso pavloviano con la richiesta «di poter permettere a chi crede, rispettando le distanze, con mascherine e guanti e in numero limitato, di entrare nelle chiese» a Pasqua, perché «per milioni di Italiani può essere un momento di speranza da vivere».

Intendiamoci, benché sia certamente vero che «per molti è fondamentale anche la cura dell’anima oltre alla cura del corpo», l’appello del Capitano, come minimo, era decisamente poco pratico, per cui le usuali accuse di demagogia erano da mettere tranquillamente in conto. A sorprendere, una volta di più, sono state piuttosto le reazioni isteriche da parte di alcuni sacerdoti che, continuando a scambiare la Chiesa per una Ong, perseverano nel dispensare ostentatamente misericordia a destra e a manca, ma risultano curiosamente parchi verso quanti non ne condividono l’ideologia immigrazionista.

Il vero capolavoro, però, è arrivato quando il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Andrea Martella ha annunciato la creazione di una task force destinata a combattere la «massiccia, crescente diffusione di disinformazione e fake news relative all’emergenza Covid-19». Vale a dire che quelli che per giorni hanno ragliato di allarmismi infondati, quelli che irridevano il Governatore lombardo Attilio Fontana per aver indossato l’ormai irrinunciabile mascherina mentre loro si pavoneggiavano tra irresponsabili aperitivi pubblici e patetici inviti ad abbracciare Cinesi – costoro pretenderebbero ora di contrastare le bufale diffuse via web sulla pandemia, che per inciso è esattamente una delle accuse che muovono allo spauracchio ungherese.

A conferma che, più che una task force, è una sorta di Commissione Segre in era coronavirus, «proprio come il Ministero della Verità di orwelliana memoria», come ha ironizzato la leader di FdI Giorgia Meloni: la quale, en passant, ha anche fatto notare che del gruppo di esperti allestito dal Governo rosso-giallo non fa parte «neppure un medico o un virologo».

Eppure, anche questi vaniloqui sono in qualche modo un buon segno. Tracce di normalità, appunto.

Continua a leggere

Economia

Coronavirus, ora dalla Ue il Premier Conte pretende i fatti

Il Capo del Governo risponde alla lettera della von der Leyen: “Idee non all’altezza dell’Europa, senza solidarietà fallisce il sogno comunitario”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Premier Giuseppe Conte. Foto dal sito del Governo

Adesso basta. Basta chiacchiere, basta promesse, basta proclami. È arrivato il momento di passare ai fatti, perché il coronavirus non si può sconfiggere con pur belle parole o con una solidarietà soltanto evocata.

Sembra averlo capito anche il bi-Premier Giuseppe Conte, che dalle pagine di Repubblica ha risposto alla lettera apparsa sullo stesso giornale a firma Ursula von der Leyen. Potius sero quam numquam, considerato che una delle principali critiche rivolte al fu Avvocato del popolo è proprio l’eccessiva arrendevolezza di fronte alle istituzioni comunitarie.

«Oggi l’Europa si sta mobilitando al fianco dell’Italia. Purtroppo non è stato sempre così» aveva riconosciuto la presidente della Commissione europea, le cui scuse comunque campeggiavano soltanto nel titolo del quotidiano romano.

Giuseppi ha in ogni caso apprezzato il tentativo di distensione, ma al tempo stesso non ha rinunciato a qualche stoccata. «Quando si combatte una guerra, è obbligatorio sostenere tutti gli sforzi necessari per vincere e dotarsi di tutti gli strumenti che servono per avviare la ricostruzione» ha ammonito, facendo presente, in riferimento alla prossima seduta del Consiglio europeo, che «alcune anticipazioni dei lavori tecnici che ho potuto visionare non sembrano affatto all’altezza del compito che la storia ci ha assegnato».

Il nodo è sempre lo stesso, quello dell’esborso economico richiesto per debellare una volta per tutte il Covid-19. Bruxelles ha appena lanciato il piano “SURE” (Support to mitigate unemployment risks in emergency), un fondo da 100 miliardi di euro pensato per aiutare i Governi nazionali a «finanziare il reddito di quanti si trovano temporaneamente senza lavoro in questa fase difficile». Un’iniziativa che va nella giusta direzione, ma certamente insufficiente, se si pensa che di miliardi gli Stati Uniti ne hanno mobilitati 2.000 (di dollari), e la Germania 550.

Già, la Germania. Nonostante i buoni propositi della von der Leyen, Berlino è ancora arroccata sulle sue egoistiche posizioni, al punto che la Cancelliera Angela Merkel avrebbe ribadito che alla fine «faremo uso del Mes», il Fondo europeo salva-Stati che, malgrado il nome, causerebbe la devastazione delle finanze nostrane.

Probabilmente è a questo meccanismo che si riferiva il BisConte quando ha stigmatizzato l’insistenza nel voler ricorrere «a strumenti che appaiono totalmente inadeguati». Il Capo del Governo è piuttosto tornato a sollecitare l’adozione di mezzi innovativi come gli European Recovery Bond, per gli amici coronabond: dei titoli di Stato europei che consentirebbero di dividere tra tutti gli Stati membri dell’Unione il debito pubblico generato dalle sole spese dovute all’emergenza coronavirus.

«Questi titoli non sono in alcun modo volti a condividere il debito che ognuno dei nostri Paesi ha ereditato dal passato, e nemmeno a far sì che i cittadini di alcuni Paesi abbiano a pagare anche un solo euro per il debito futuro di altri» ha spiegato ancora una volta il Presidente del Consiglio ai pertinaci e recalcitranti scettici teutonici.

«È il momento di mostrare più ambizione, più unità e più coraggio» ha quindi esortato Conte. Ma, soprattutto, è l’ora della concretezza, da ottenere, se necessario, anche alzando la voce e battendo i pugni sul tavolo della Ue. Perché, come hanno avvertito in tanti in questi giorni, nessuno si salva da solo. E l’alternativa è che l’atavico tafazzismo mitteleuropeo porti a ricordare il 2020 «come l’anno del fallimento del sogno europeo».

Continua a leggere

Politica

Coronavirus, tracce di normalità nonostante chi detiene il potere

Scelte e priorità di quanti rivestono cariche importanti destano più di una perplessità. Eppure, continuano a spuntare piccoli segni di speranza

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Foto dall'account Twitter Dorian Gray

Test per l’esame di giornalismo. A proposito, ancora una volta, dell’emergenza coronavirus, il candidato consideri che:

a) Intervistato dalla televisione tedesca Ard, il bi-Premier Giuseppe Conte, cui era stato chiesto se fosse vero che la Cancelliera Angela Merkel gli aveva detto che alla fine verrà usato il Mes e che i coronabond «potrebbero non arrivare mai», evidentemente colto da una provvidenziale amnesia ha risposto: «Adesso le parole esatte non le ricordo». L’Unione (Europea) fa proprio la forza.

b) Sempre Giuseppi ha rimarcato la necessità di continuare «con la linea del rigore». Mandando in sollucchero i tifosi della Juventus.

c) Il guru pentastellato Beppe Grillo ha affermato che, in periodo di crisi, «non è più il tempo di fare del lavoro un valore». Lui lo aveva già dimostrato fondando il M5S.

d) Il vicesegretario del Pd Andrea Orlando e il reggente grillino Vito Crimi hanno affermato che, una volta passata l’attuale criticità, la Sanità dovrebbe tornare a essere di competenza statale per evitare le differenze tra Regioni. Uniformando tutte le prestazioni al livello di quelle peggiori.

e) Alcuni deputati del Partito Democratico hanno chiesto all’ex Avvocato del Popolo e al Ministro degli Esteri Luigi Di Maio di contribuire «a prendere un’iniziativa contro la deriva illiberale del Governo Orbán», il Premier ungherese che, per fronteggiare l’emergenza Covid-19, ha chiesto e ottenuto dal Parlamento di Budapest i pieni poteri. In fondo, anche vedere i dem tornare alle usuali farneticazioni sul fascismo 2.0 è un segno che si sta tornando alla normalità.

f) Il Ministero dell’Istruzione sta preparando un esame di maturità light per non penalizzare gli studenti alle prese con il lockdown. Non potendoli agevolare con qualcos’altro di light.

g) Il Governatore dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha chiamato l’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi a far parte di un gruppo di saggi per far ripartire la Regione. È incredibile dove può portare l’amore per la Mortadella.

h) Nell’ultima riunione della Lega Serie A, il presidente della Lazio Claudio Lotito, che si vantava di sapere che il virus «se sta a ritira’» perché «io parlo coi medici luminari, quelli che stanno in prima linea, non con quelli delle squadre», è stato gelato dalla folgorante replica dell’omologo juventino Andrea Agnelli: «certo, ora sei diventato anche un esperto virologo». Parafrasando l’Antico Testamento (e anche Woody Allen), il Lotito e l’Agnelli giaceranno insieme, ma l’Agnelli dormirà ben poco.

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da parole quali “internamento”, le dichiarazioni del Commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni, per cui «l’Ue ha agito ma deve fare di più»; e della presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, secondo la quale «abbiamo visto più solidarietà qui in Europa che in qualsiasi altra parte del mondo».

Continua a leggere

Cronaca

Emergenza Covid-19, si ferma l’aumento dei contagi

L’annuncio del Presidente della Lombardia Fontana, anche se è presto per abbassare la guardia. E il Governatore del Veneto Zaia: “Guardiamo in fondo al tunnel”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Governatore della Lombardia Attilio Fontana. Foto dal sito de Il Messaggero

La buona notizia sui contagi da Covid-19 era stata anticipata dal Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro: «La curva iniziale ci mostra, sostanzialmente, che siamo al plateau», ovvero che «siamo arrivati al picco, ma il picco non è una punta bensì un pianoro da cui ora dobbiamo discendere».

Il trend è stato quindi confermato da Attilio Fontana, Governatore della Regione più colpita dall’emergenza coronavirus – la Lombardia: «non esiste più un incremento del numero dei contagiati da coronavirus», ha annunciato, aggiungendo che «stiamo proseguendo nello sviluppare quell’ipotesi di tanti statistici ed epidemiologi secondo cui è stato raggiunto il culmine, si procederà in piano e poi secondo loro dovrebbe iniziare la discesa».

I dati, sia locali che nazionali, in effetti parlano chiaro. Benché le cifre relative ai decessi restino terribilmente alte (e con tutta probabilità sono anche sottostimate), quelle sull’aumento delle infezioni sono costantemente in calo da giorni, almeno a livello percentuale; inoltre, con la fine di marzo si è avuto anche un decremento dei ricoverati in terapia intensiva, per la prima volta dallo scoppio dell’epidemia.

Brusaferro ha spiegato che l’indice delle nuove positività dovrebbe restare piatto per qualche tempo, per poi scendere «quando non solo non ci saranno nuove diagnosi ma diminuirà il numero totale dei malati complessivi e aumenteranno i guariti». Per l’azzeramento dei contagi, però, «ci vorranno mesi», ha spiegato l’esperto, forse pensando anche alle recenti proiezioni dell’Einaudi Institute for Economics and Finance secondo cui in Italia non dovrebbero più esserci nuovi casi al massimo a partire dal 16 maggio.

Senza contare il rischio che l’epidemia possa ripartire qualora si abbassasse la guardia: un concetto, questo, ribadito a gran voce sia dai medici che dai Presidenti di Regione, che hanno iniziato a mostrare un cauto ottimismo.

«Guardiamo in fondo al tunnel» ha affermato Luca Zaia, Governatore del Veneto, precisando che in questa e nella prossima settimana «ci giochiamo il futuro della nostra comunità». Il Governo condivide, tanto che, per bocca del Ministro della Salute Roberto Speranza, ha annunciato la proroga delle misure restrittive già in vigore almeno fino al 13 aprile.

Certo, subito dopo il Ministro nomen omen ha candidamente ammesso che l’esecutivo rosso-giallo non ha idea di come potrà avvenire la ripresa, oltretutto nelle stesse ore in cui il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico, comunicando che il sito dell’ente stava ricevendo 100 domande al secondo, si vantava che i sistemi informatici stessero reggendo: salvo vederli andare in tilt a mattinata non ancora conclusa, con i servizi inaccessibili e la clamorosa esposizione dei dati sensibili degli utenti – bazzecole di cui Tridico ha poi dato la colpa a un attacco hacker. Sutor, ne ultra crepidam! avrebbero detto gli antichi, magari con un occhio pure al Viminale, il cui documento chiarificatore sulle uscite da casa era talmente chiaro da aver richiesto un ulteriore chiarimento.

Ma anche queste inefficienze possono passare in secondo piano. Perché, forse per la prima volta dall’inizio della crisi, il futuro è tornato ad apparire un po’ più roseo. E non era un pesce d’aprile.

Continua a leggere

Cronaca

Covid-19, l’ottimismo del Presidente Mattarella è più contagioso del virus

Continuano le polemiche sia social che politiche. Ma il Capo dello Stato infonde fiducia: “Insieme supereremo anche questa”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Foto dal sito del Quirinale

Test per l’esame di giornalismo. Sempre in relazione all’emergenza Covid-19, il candidato consideri che:

a) I principali partiti che compongono la maggioranza rosso-gialla – vale a dire M5S, Pd e Iv – hanno frignato contro il conferimento dei pieni poteri, da parte del Parlamento di Budapest, al Premier ungherese Viktor Orbán, una decisione bollata come antidemocratica. Meglio avocarli a sé nel chiuso delle stanze dei bottoni deliberando lo stato di emergenza nazionale per sei mesi.

b) Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, annunciando l’invio in Italia di materiale sanitario per un valore di 100 milioni di dollari, ha rivelato di aver dato lui stesso la notizia al bi-Premier Giuseppe Conte, aggiungendo che «Giuseppi was very very happy». E continuando a mostrare problemi con i plurali: che in inglese vogliono were, non was.

c) La sentina del web, per gli amici il popolo dei social, con il supporto dei soliti zerbini mediatici ha ragliato contro la preghiera dell’Eterno riposo recitata in diretta tv dal leader della Lega Matteo Salvini e dalla conduttrice Barbara D’Urso, vaneggiando di sciacallaggio, spettacolo indecoroso, oscenità televisiva e altre stucchevolmente giulive amenità. Mentre strimpellare a vanvera steccando a squarciagola sui balconi, quello che sì che è intelligente e utile.

d) Per il virologo Roberto Burioni «la situazione è ancora talmente grave da rendere irrealistico qualunque progetto di riapertura a breve». Per l’altro virologo Fabrizio Pregliasco «pensare di riaprire le scuole è prematuro». Per l’epidemiologo Pierluigi Lopalco «pensare di riaprire le scuole il 4 maggio è una follia». Per l’altro epidemiologo Gianni Rezza «non possiamo tenere l’Italia chiusa per sempre, ma occorre vedere prima gli effetti delle misure importanti messe in campo dal Governo. Poi si possono studiare provvedimenti».

Per l’evidentemente autodidatta leader di Italia Viva Matteo Renzi, che comunque a polemiche innescate ha rettificato il suo pensiero, «le fabbriche devono riaprire prima di Pasqua» e «si torni a scuola il 4 maggio». E niente, questa fa già abbastanza ridere di suo.

Ciò posto, il candidato commenti l’ottimismo incrollabile (e più contagioso dello stesso coronavirus) del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, nonostante tutto, ha affermato: «Abbiamo altre volte superato periodi difficili e drammatici. Vi riusciremo certamente – insieme – anche questa volta».

Continua a leggere

Economia

Coronabond, se ora neppure gli europeisti sopportano più l’Europa…

L’egoismo della Germania manda su tutte le furie il Presidente Mattarella e il Premier Conte, che avverte: “La Ue è al punto di non ritorno”. E qualcuno forse inizia a tremare…

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Premier Conte e il Ministro dell'Economia Gualtieri. Foto dal sito del Governo

È sempre bello sapere che, quando l’Italia è in difficoltà e chiede una mano ai cosiddetti partner europei, questi sono sempre pronti a darci una mano… per spingerci verso il baratro. È accaduto ripetutamente nei giorni passati, e a vari livelli, dalle istituzioni Ue ai singoli Capi di Stato e di Governo.

In principio era stato il Consiglio europeo chiamato a discutere della risposta economica all’emergenza coronavirus. Il bi-Premier Giuseppe Conte aveva ancora una volta messo sul tavolo l’opzione coronabond (anche se lui preferisce chiamarli European Recovery Bond), lo strumento ipotizzato per far fronte a quella che da più parti viene definita una vera e propria guerra – e reclamato da altri otto Paesi, tra cui Francia e Spagna.

Il principio è che gli Stati membri dell’Unione Europea possano farsi prestare il denaro di cui hanno bisogno per finanziare gli interventi anti-crisi, accrescendo quindi anche considerevolmente il proprio debito pubblico (come suggerito del resto dal rimpiantissimo ex Presidente della Bce Mario Draghi): questa quota di debito verrebbe però spartita tra tutti i Paesi membri dell’Unione, onde aiutare quelle Nazioni che hanno una capacità di spesa ridotta a sostenere l’esborso necessario a superare l’epidemia.

Come già una decina di anni fa (in circostanze ovviamente diverse), questo meccanismo solidale era stato stoppato dalla ferrea opposizione della Germania e dei suoi “virtuosi” alleati nord-europei, da sempre poco inclini a misure considerate assistenzialiste: anche se è più facile fare gli altezzosi condiscendenti quando, a differenza di Bankitalia, la propria banca pubblica KfW può stampare moneta a piacimento. In ogni caso, la Cancelliera Angela Merkel aveva ribadito la propria atavica preferenza per il Mes, il Fondo europeo salva-Stati i cui paletti, però (o forse, proprio per questo), lungi dal salvare l’economia italica le darebbero il colpo di grazia.

Proprio la linea dura di Berlino aveva scatenato il furioso disappunto del fu Avvocato del popolo: il quale aveva posto il veto sul testo delle conclusioni inducendo i riottosi colleghi a procrastinare le decisioni di altre due settimane – che per Giuseppi dovevano essere dieci giorni, che comunque sarebbero sempre troppi.

Tanto più, che dopo un paio di giorni, a metterci il carico era arrivata l’altrettanto tedesca Presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, che aveva giulivamente liquidato i coronabond come uno slogan a cui nessuno stava lavorando: salvo operare una parziale retromarcia in seguito alla reazione ulteriormente stizzita di Conte e del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

La sensazione che la corda si stesse ormai per rompere era stata confermata anche dal nuovo messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che per la seconda volta in poche settimane aveva abbandonato il tradizionale aplomb e bacchettato l’Europa: sollecitandola a comprendere appieno «la gravità della minaccia» e a intervenire prima che sia troppo tardi.

Un segnale importante, riecheggiato poi nell’ancor più recente intervista del BisConte all’iberico El País: in cui il Presidente del Consiglio ha avvisato gli euroburocrati che si sta pericolosamente avvicinando il «punto di non ritorno» e che, «se l’Ue non è all’altezza della sua vocazione e del suo ruolo in questa situazione storica», perderà definitivamente la fiducia dei cittadini.

Avvisaglie che qualcuno, nel Continente, ha iniziato a prendere tremendamente sul serio. Come Robert Habeck, il leader dei Verdi teutonici, il quale ha ricordato a Fräulein Merkel che aiutare gli Stati in difficoltà è anche interesse della Germania, la quale può restare un Paese esportatore «solo se le economie più colpite dalla crisi non finiscono in dissesto». O come lo spagnolo Luis de Guindos Jurado, vicepresidente della Banca Centrale Europea, che si è detto favorevole ai coronabond sconfessando una volta di più la Governatrice Christine Lagarde: comunque già provvidenzialmente messa a tacere dopo la disastrosa conferenza stampa in cui aveva fatto crollare le Borse di tutto il mondo.

Se sia o meno un cambio di paradigma è presto per dirlo, ma se non altro è indice che a Bruxelles si inizia a capire il pericolo: perché, se anche gli europeisti più convinti cominciano a non poterne di più di questa Europa, l’autodistruzione comunitaria potrebbe davvero essere alle porte. E chissà che allora gli alti papaveri non si decidano ad agire, se non per il tanto (a vanvera) sbandierato spirito di solidarietà, almeno per cinica convenienza?

Continua a leggere

Cronaca

Coronavirus, le ragioni (anche un po’ sgrammaticate) dell’ottimismo

Il nuovo Decreto del Premier Conte blinda i confini della Nazione e porta all’ennesimo modulo di autocertificazione. Ce la faremo (nonostante chi scrive “c’è la faremo”)

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Premier Conte. Foto dal sito del Governo

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri, a proposito dell’emergenza coronavirus, che:

a) Con il suo ultimo Decreto, il bi-Premier Giuseppe Conte ha decretato la chiusura dei confini nazionali. Ecco perché il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha dichiarato che l’ente non avrà problemi di liquidità fino a maggio: con il blocco dei remunerativissimi traffici delle Ong, come faranno i clandestini a pagare le pensioni agli Italiani?

b) Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli è negativo. Fortunatamente, il riferimento è al suo tampone, e non al quotidiano bollettino sull’andamento dell’epidemia.

c) Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha annunciato la nuova versione del modulo di autocertificazione per poter uscire di casa. I venditori di inchiostro per stampanti ringraziano sentitamente.

d) Il Cio (il Comitato Olimpico Internazionale) ha rinviato le Olimpiadi. Non era riuscito a convincere il virus a sospendere il contagio per la durata dei Giochi.

e) Si sono rincorse voci (poi smentite) secondo cui il Principe Filippo di Edimburgo era passato a miglior vita, mentre è certo che suo figlio Carlo d’Inghilterra, l’erede al trono, sia stato contagiato dal Covid-19. «E anche io non mi sento molto bene».

Ciò posto, il candidato commenti l’ottimismo di quanti, nonostante tutto, restano convinti che ce la faremo anche se scrivono “c’è la faremo”.

Continua a leggere

Cronaca

Emergenza coronavirus, la “non smentita” del Premier Conte sulla proroga delle misure

Per il Capo del Governo non è detto che le restrizioni saranno prolungate fino al 31 luglio: di fatto, però, questo scenario non viene neppure escluso categoricamente

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Premier Conte. Foto dal sito del Governo

Il popolo dei social ha accolto l’ultimo (in ordine cronologico) Decreto del bi-Premier Giuseppe Conte, quello emanato il 24 marzo, con la consueta ironia: tra chi ipotizzava un nuovo album della Panini per collezionare tutti i moduli di autocertificazione del Viminale e chi faceva presente alle autorità che, se si continua di questo passo, a breve il “valido motivo” per uscire di casa sarà la necessità di cambiare la cartuccia della stampante.

Sarcasmo a parte, i nuovi provvedimenti governativi riguardavano soprattutto, com’è ormai arcinoto, l’inasprimento delle sanzioni per chi viola le norme anti-contagio: ai trasgressori verrà comminata una multa da 400 a 3.000 euro – con aumento di un terzo se l’infrazione viene commessa con un veicolo -, mentre un soggetto positivo al coronavirus che non rispettasse l’obbligo di quarantena sarà punito col carcere da uno a cinque anni.

Tipo la donna che, pur avendo già i sintomi del Covid-19, ha avuto l’intelligentissima pensata di lasciare la propria abitazione di Pavia e prendere due aerei e un taxi per tornare nel suo paese di origine – Modica, nel Ragusano: e che per questo è stata denunciata per attentato alla salute pubblica.

Magari, comunque, l’appesantimento delle ammende contribuirà a rimpolpare le casse dell’Inps, il che dovrebbe ripercuotersi positivamente anche sul suo presidente Pasquale Tridico, che qualche giorno fa vaneggiava di un click day per autonomi e partite Iva mentre nelle scorse ore ha garantito che «fino a maggio non c’è problema di liquidità», aggiungendo che in ogni caso si aspetta un nuovo Decreto ad aprile.

Probabilmente questa ostentazione di sicurezza avrebbe dovuto rassicurare, ma la vicinanza della scadenza evocata da Tridico e la vaghezza delle sue aspettative hanno piuttosto ottenuto l’effetto contrario: soprattutto perché si sta parlando dei soldi, veri, che devono e dovranno entrare nelle tasche degli Italiani.

Così come rassicuranti non lo sono minimamente, malgrado l’interpretazione della maggior parte dei media, le parole dell’ex Avvocato del popolo riguardo alla possibilità di prolungare le misure attualmente in vigore fino all’estate: ipotesi che dal diretto interessato non è stata affatto categoricamente smentita come molti, troppi stanno lasciando intendere.

«Si è diffusa la notizia che le misure saranno prorogate al 31 luglio» ha infatti dichiarato il Presidente del Consiglio. «Quando abbiamo adottato il primo provvedimento a fine gennaio abbiamo deliberato lo stato di emergenza nazionale per sei mesi, fino al 31 luglio 2020. Ma questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data. Siamo pronti in qualsiasi momento ad allentare la morsa, superare quelle misure, e fiduciosi che ben prima di quella scadenza si possa tornare a un migliore stile di vita».

Il punto focale della dichiarazione sta in quella frase («non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data») che molti commentatori hanno, come minimo, caricato di un senso molto più granitico di quello espresso da Giuseppi: il quale voleva certamente lasciar trasparire una fiducia che è l’equivalente chigiano degli auspici di Tridico, ma di fatto non ha escluso nessuno scenario.

Leggendo tra le righe, cioè, è facile notare che il Capo del Governo si è certamente detto ottimista, ha certamente affermato di non avere intenzione di estendere le attuali disposizioni per altri quattro mesi: ma ha anche lasciato intendere di poterlo fare – e di essere disposto a farlo – se necessario, in virtù di quello stato di emergenza da lui stesso proclamato il 31 gennaio. Quando, giova ricordarlo, in Italia gli unici casi di coronavirus registrati erano quelli della coppia cinese ricoverata allo Spallanzani, dal momento che il focolaio di Codogno sarebbe esploso solo oltre la metà di febbraio.

In ogni caso, tra il “poter fare” e il “dover fare” corre un abisso la cui profondità non può che confortare. Così come il fatto che, anche in mezzo a questa tempesta, nell’esecutivo rosso-giallo, e segnatamente al Ministero della Salute, continua a esserci Speranza.

Continua a leggere

Politica

Coronavirus, l’appello di Mattarella: “Responsabilità per far rinascere l’Italia”

Al contempo, però, i sindacati paventano lo sciopero generale, il Commissario straordinario Arcuri deve implorare i cittadini perché rispettino le misure del Governo, e il Ministro Provenzano vuole aiutare chi lavora in nero…

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Foto dal sito corriere.it

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri, a proposito dell’emergenza Covid-19, che:

a) Il bi-Premier Giuseppe Conte ha ammesso che attualmente le condizioni di utilizzo del Mes (il Fondo europeo salva-Stati) «non sono accettabili». Solo perché ci erano arrivati perfino i grillini.

b) I sindacati minacciano lo sciopero generale perché troppe aziende sono ancora aperte. Forse anche per questo Palazzo Chigi ha fatto sapere che le opposizioni saranno coinvolte nel Decreto di aprile. Senza chiarire se l’accento fosse sulla “i” o sulla “a”.

c) «È davvero importante attenersi alle disposizioni che il Governo ha dato, vi imploriamo di rispettarle», l’appello di Arcuri. No, non l’attrice Manuela, bensì Domenico, il Commissario Straordinario all’emergenza coronavirus.

d) Il Ministro dem per il Sud Giuseppe Provenzano ha chiesto misure che aiutino le fasce sociali più vulnerabili, compreso «chi lavorava in nero». Lo aveva detto anche il sindaco di Roma Virginia Raggi, a ennesima conferma che pure la diffusione delle farneticazioni è virale.

e) Sugli aiuti all’Italia, la Germania rompe gli indugi. E non solo quelli.

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da gesti di sconforto come una testata al muro più vicino, l’appello del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al senso di responsabilità per «la rinascita morale, civile, economica, sociale della nostra Nazione».

Continua a leggere

Cronaca

Coronavirus, dal sindaco di Cerveteri appello al Governo: “Troppe difficoltà a gestire la crisi”

Pascucci lancia l’allarme: “Inaccettabile non essere informati su chi è in quarantena: in molti rischiano, se viene contagiato un poliziotto siamo paralizzati”

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci. Foto dal sito de Il Faro Online

Un accorato appello «al coinvolgimento attivo dei Sindaci che, in questa fase, possono contribuire attivamente nei loro territori all’attuazione delle disposizioni, nonché al monitoraggio e al supporto delle persone contagiate e in quarantena». Lo ha lanciato, lo scorso 20 marzo, il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci in una lunga lettera indirizzata al bi-Premier Giuseppe Conte, che aveva per oggetto l’emergenza coronavirus.

Una missiva in cui il primo cittadino della città laziale ha denunciato le gravi difficoltà che i Comuni stanno incontrando nella gestione della crisi da Covid-19. A partire dal numero di agenti di Polizia: a Cerveteri ve ne sono 18, insufficienti a coprire un territorio di oltre 134 km2.

«Immagini cosa accadrebbe qualora uno di loro dovesse contrarre il virus: i nostri Comandi si paralizzerebbero all’istante» è stato il monito di Pascucci al Presidente del Consiglio. E la cosa ancora più grave è che si tratta di un rischio fin troppo concreto.

«A molti Sindaci» ha denunciato Pascucci, «non vengono fornite le generalità e neanche gli indirizzi delle persone che contraggono il virus Covid-19 o che vengono messe in quarantena preventiva. E questo nonostante il nostro ordinamento individui nel Sindaco l’autorità sanitaria locale. È una cosa inaudita. Così come è inaccettabile che, come i Sindaci, non ne abbiano contezza gli agenti delle Forze dell’Ordine che si trovano sui nostri territori».

Che si tratti o meno di una questione di privacy è irrilevante, visto che in gioco c’è la sicurezza. Come ha spiegato il primo cittadino di Cerveteri, se un soggetto contagiato decidesse inopinatamente di infrangere l’isolamento, nessuno sarebbe in grado di verificare la violazione, che metterebbe a repentaglio la salute pubblica.

E suona come una beffa, ha aggiunto Pascucci, il fatto che una propaggine dello Stato quale l’Istituto Superiore di Sanità abbia raccomandato «di adottare misure differenti nei confronti delle persone in quarantena o positive al Covid-19, quali ad esempio una diversa modalità nella raccolta dei rifiuti».

Un’esortazione che, intendiamoci, è assolutamente di buon senso, e non solo in riferimento «agli operatori della raccolta differenziata che devono ritirare quotidianamente i mastelli», ma in generale a tutti coloro che ogni giorno entrano in contatto con chi si trova all’interno delle abitazioni: dal personale medico e paramedico ai volontari della Protezione Civile che consegnano generi alimentari a domicilio, dai postini ai dipendenti della locale municipalizzata che portano i farmaci a chi ne ha bisogno.

«Non è accettabile esporre queste persone a un rischio» è stato il grido d’allarme di Pascucci. «Rischio che sarebbe del tutto evitabile se si conoscessero i dati dei contagiati e delle persone in quarantena».

Per questo, nella consapevolezza dell’incredibile sforzo profuso a ogni livello istituzionale, il sindaco di Cerveteri ha invocato un rapido intervento che consenta agli amministratori locali di continuare a essere in prima linea, al servizio della Nazione e delle comunità di cui rappresentano il primo – e spesso unico – punto di riferimento.

«Sono certo che tutti insieme ce la faremo» ha concluso Pascucci, augurando buon lavoro al Capo del Governo. Insieme, appunto.

Continua a leggere

Cronaca

Coronavirus, il Governo si vanta di un “modello italiano” che non funziona

La Protezione Civile dà dati imprecisi, il Parlamento è bloccato e Conte si appella all’Europa: che, anzi, per il Premier dovrebbe prendere esempio da noi

Mirko Ciminiello

Pubblicato

il

Il Premier Conte. Foto dal sito del Governo

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri, a proposito dell’emergenza coronavirus, che:

a) Il bi-Premier Giuseppe Conte, nell’ultima puntata del suo one-man show, ha comunicato la chiusura di tutti i servizi non essenziali. Come il Parlamento.

b) Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha dichiarato: «Conteggiamo tutti i deceduti, non facciamo distinzione fra con e per coronavirus». Quindi le cifre che da un mese terrorizzano l’Italia e il mondo, le cifre che hanno indotto l’esecutivo rosso-giallo a prendere misure sempre più restrittive, le cifre che hanno spinto più di un’autorità a fare paragoni con scenari di guerra – queste cifre non si sa se siano davvero ascrivibili al COVID-19: a conferma che l’incarico di Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus consiste nel dare i numeri.

c) L’ex Avvocato del popolo ha proposto di attivare il Fondo salva-Stati della Ue «senza alcuna condizionalità presente o futura», ipotesi che l’ex Ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha liquidato come «una partita di raggiro». Ma almeno i posteri si potranno domandare se l’Italia sarà morta per il Mes o con il Mes.

d) Il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha affermato: «Senza Europa non ce l’avremmo mai fatta». #AbbracciaunaUrsulavonderLeyen.

e) Il leader di Italia Viva Matteo Renzi ha stigmatizzato l’atteggiamento del Governo (di cui fa sempre parte): «Si facciano conferenze stampa, non show su Facebook» si è sfogato. Con un post su Twitter.

f) Qualche giorno fa il Comune di Mamoiada, nel nuorese, ha chiarito che è possibile portare fuori il cane per fargli espletare le proprie funzioni fisiologiche, ma «l’animale deve essere necessariamente in vita». Il sindaco si chiama Monsieur de La Palice.

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da pur comprensibili sfoghi ingiuriosi, la seguente rodomontata di Giuseppi: «Possiamo parlare di modello italiano» e «vogliamo che l’Europa ci segua».

Continua a leggere

Primo Piano