Contattaci

Cronaca

Amazon, tecnologia italiana nei magazzini sostituisce i dipendenti

Amazon vuole introdurre nuovi macchinari per l’imballaggio che sostituirebbero migliaia di dipendenti.

Pubblicato

il

Il colosso di acquisti online  Amazon, sta introducendo nei propri magazzini delle macchine che prenderanno il posto di migliaglia di dipendenti. Il lavoro in questione sarebbe quello di impacchettare gli ordini dei clienti.

Recentemente l’azienda aveva introdotto in alcuni dei suoi magazzini una tecnologia in grado di scansionare la merce e impacchettarla succesivamente in scatole predefinite. Ora Amazon sta considerando di espandere questa tecnologia istallando due macchinari in 55 depositi, sostituendo il lavoro di 24 impiegati per ogni magazzino. Il taglio di lavoratori ammonterebbe a 1300.

“Stiamo sperimentando questa tecnologia con l’obbiettivo di aumentare la sicurezza, velocizzare la consegna e accrescere l’efficienza del nostro network” ha affermato un portavoce di Amazon.

Le macchine, conosciute con il nome di CartonWrap, sono create dalla compagnia italiana CMC Srl, un’azienda famigliare nata nel 1980 a Città di Castello ( in provincia di Perugia, Umbria). Questa tecnologia ha la capacità di produrre dalle 600 alle 700 scatole all’ora.

L’azienda non ha rilasciato commenti riguardo la decisione di Amazon.

Le macchine hanno bisogno di un operaio che carichi gli ordini dei clienti, uno che si occupi di assemblare le scatole di cartone e un tecnico che provveda a risolvere eventuali problematiche.

Amazon spiega come in futuro quando verrano impiegate queste tecnologie invece di licenziare parte del personale, smetteranno di assumere dipendenti per il ruolo d’imballaggio. I dipendenti a lavoro invece saranno specializzati in nuovi settori. Ad esempio il risparmio ottenuto con queste nuove tecnologie sarà investito in servizi innovativi per i clienti.



Continua a leggere
Advertisement
Clicca per Commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.