Contattaci

Rubriche

WhatsApp: il sistema ha permesso l’installazione di spyware

Avatar

Pubblicato

il

whatsapp quitalia

La vulnerabilità dell’applicazione di Facebook sarebbe la causa di un attacco da parte di hacker, che sono stati in grado di installare uno spyware sul telefono di alcuni utenti.

E’ stata la stessa applicazione a dichiarare l’attacco nei confronti dei propri utenti: attraverso una falla nel sistema, alcuni hacker sono stati in grado di accedere ai dati sensibili di determinate vittime per diverso tempo.

Lo spyware in questione, che è stato identificato come “simile alla tecnologia informatica NSO” sviluppata dalla società israeliana NSO Group, veniva installato attraverso una chiamata ricevuta dalle vittime, anche in assenza di risposta, e che spesso poi spariva dalla cronologia.

Non si sa ancora quanti dei 1,5 miliardi di utenti siano stati colpiti da questo attacco, tuttavia sembra che i destinatari siano stati scelti specificatamente, escludendo l’attacco su larga scala.

Durante l’annuncio, fatto in esclusiva attraverso il Financial Times, WhatsApp ha invitato quindi ad aggiornare l’applicazione alla sua ultima versione, dotata appositamente di una patch in grado di combattere questa falla.

L’applicazione di proprietà di Facebook sarebbe ancora a lavoro sulle indagini riguardo ai responsabili, ma invita a tenere WhatsApp costantemente aggiornato, per evitare che il fenomeno si ripeta ancora.

Antea Ruggero

 

 

Rubriche

Firenze: i Concerti d’Estate a Palazzo Pitti, sabato 13 luglio

Francesco Vergovich

Pubblicato

il

Sabato 13 luglio la meravigliosa Sala Bianca di Palazzo Pitti apre le sue porte per una grande giornata di “Concerti d’Estate” liberamente accessibili a fiorentini e turisti presentando il biglietto di ingresso al Museo.

Tre gli appuntamenti, alle ore 11.30, alle 12.00 e alle 16.00, per altrettanti imperdibili concerti che si collocano come ideale raccordo tra le rassegne primaverile e autunnale del Festival “Da Firenze all’Europa”. Questa importante iniziativa, lo ricordiamo, è frutto dell’accordo pluriennale tra le Gallerie degli Uffizi e l’Associazione Musica con le Ali, e si svolge nella Sala Bianca di Palazzo Pitti avendo come protagonisti alcuni tra i migliori giovani musicisti italiani, sostenuti dall’Associazione Musica con le Ali.

In occasione dei “Concerti d’Estate a Palazzo Pitti” il pubblico potrà apprezzare il talento di alcuni di loro: le pianiste Carlotta Maestrini e Ludovica De Bernardo, e il Trio Aves, composto da Lisa Pivato (violino), Gioele Pes (violoncello) e Simone Anelli (pianoforte).

Il programma dei tre concerti prevede, alle ore 11.30, l’esibizione di Carlotta Maestrini, che suonerà musiche di Haydn, Chopin, Glinka/Balakirev e Mendelssohn-Bartholdy. Dopo di lei, alle ore 12.00, si esibirà il Trio Aves sulle note di Mendelssohn-Bartholdy. Alle ore 16.00 suonerà Ludovica De Bernardo insieme all’Ensemble Musica con le Ali, eseguendo musiche di Haydn e di Chopin.

L’Ensemble Musica con le Ali è una formazione variabile di musicisti affermati e già in carriera che si esibiscono insieme ai giovani musicisti sostenuti dall’Associazione Musica con le Ali: è composto in questa occasione dai violinisti Leonardo Matucci e Alessia Pazzaglia, dalla violista Camilla Insom e dalla violoncellista Valeria Brunelli

Palazzo Pitti, nel corso della sua storia secolare, ha visto susseguirsi casate e dinastie, che hanno contribuito a rendere questo luogo uno dei gioielli più importanti del patrimonio culturale italiano. Ed ecco che i “Concerti d’Estate” del prossimo 13 luglio sono anche l’occasione per ricordare gli straordinari festeggiamenti che avvennero nel luglio del 1637 per celebrare le nozze di Vittoria della Rovere e Ferdinando II de’ Medici, quinto granduca di Toscana. Ci furono in quell’occasione spettacoli straordinari, a partire dalla favola cantata delle Nozze degli Dei e dallo straordinario carosello notturno la cui sceneggiatura fu ispirata dalla Gerusalemme liberata di Torquato Tasso, messi in scena nell’Anfiteatro di Boboli.

“A Palazzo Pitti, nei secoli musica ed arte si sono sempre intrecciate – commenta il direttore Eike Schmidt. I concerti d’estate rafforzano questo magico legame ricordando anche i fasti seicenteschi della Reggia. Gli spettacoli organizzati in collaborazione dalle Gallerie degli Uffizi con l’Associazione Musica con le Ali non solo, infatti, ricordano quelli celebrati in occasione delle nozze tra Vittoria della Rovere e Ferdinando II de’ Medici, ma dimostrano il valore straordinario che può nascere dalla collaborazione tra pubblico e privato. Un appuntamento che si rinnova e che vuole essere un regalo per tutti i visitatori, non solo per i turisti, ma anche per i fiorentini che quest’estate resteranno in città.”

Siamo davvero soddisfatti – dichiara Carlo Hruby, Presidente dell’Associazione Musica con le Ali – di poter offrire ai visitatori di Palazzo Pitti una nuova e preziosa esperienza di ascolto nel cuore del nostro patrimonio culturale e della magnifica Sala Bianca. Questi “Concerti d’Estate a Palazzo Pitti” rappresentano un anello di congiunzione tra le edizioni primaverile e autunnale dello splendido Festival “Da Firenze all’Europa” e sottolineano l’importanza dello straordinario patrimonio culturale che ci circonda, contribuendo alla sua valorizzazione attraverso la musica eseguita ai più alti livelli da alcuni tra i migliori giovani talenti italiani”.

Associazione Culturale Musica con le Ali – E’ stata costituita a Milano nel 2016 per iniziativa di Carlo Hruby e della sua famiglia. L’Associazione non ha fini di lucro e sostiene la crescita di giovani musicisti italiani, attentamente selezionati tra i migliori studenti dei conservatori e delle istituzioni di alta formazione.

I giovani talenti vengono supportati nel loro cammino formativo e aiutati ad affermarsi nella musica classica – e quindi a “spiccare il volo” – attraverso la creazione di un percorso personalizzato in base alle caratteristiche e necessità di ciascuno.

Concentrando la propria azione solo a favore dei migliori giovani musicisti italiani, l’Associazione Musica con le Ali realizza una serie di attività per la loro crescita e promozione che spaziano dall’organizzazione di concerti in luoghi di grande prestigio al sostegno di masterclass di specializzazione, inserimento in festival, rassegne e stagioni concertistiche, sostegno di realizzazioni discografiche, al supporto nella comunicazione, strumento fondamentale per la loro visibilità e per la valorizzazione delle loro capacità. 

Continua a leggere

Cultura

Letture: “I romanzi della Black List”, suspence e intrighi per la fantasia dei ragazzi

Una collana di storie divertenti e impertinenti, col brivido della suspense e il sapore agrodolce del crime e dell’intrigo

Francesco Vergovich

Pubblicato

il

Già da tempo leader in Italia nell’editoria per ragazzi a scopo didattico, la Lisciani Libri, con I romanzi della Black List, alza il target d’età dei suoi lettori, andando decisamente oltre il semplice apprendimento.

Un’editoria che si è sempre preoccupata di offrire alle giovani generazioni mezzi e metodi per comprendere presente e passato si prefiggerà d’ora in avanti di offrire agli adolescenti e ai giovani, impazienti di entrare nella “casta” dei diciotto-ventenni, l’esperienza di una lettura coinvolgente e dinamica: un altro modo di conoscere e frequentare il testo narrativo con entusiasmo e fantasia.

“Abbiamo concepito, a questo scopo, una collana di storie divertenti e anche impertinenti, I Romanzi della Black List, dove i giovani lettori – ma anche quelli un po’ più avanti negli anni – troveranno il brivido della suspense e il sapore per così dire, agrodolce del crime e dell’intrigo”, spiega Giuseppe Lisciani.

Una collana imperniata sui generi noir, thriller, giallo, curata con particolare attenzione perché diventi, in breve tempo, un punto di riferimento culturale per studenti e non soltanto.

Dopo i primi cinque titoli rivolti ai lettori più giovani, arriveranno infatti dopo l’estate titoli destinati a un pubblico indifferenziato.

Gli autori chiamati a inaugurare I romanzi della Black List – Nicola Barca (Nessun amore è impossibile), Silvia Di Giacomo (L’Amico virtuale), Davide Di Lodovico (La Fuga), Caterina Falconi (Shoefiti) e Alessio Romano (Gli Irregolari di salita Sospiro) – sono, per il momento, italiani; per la maggior parte già presenti nel panorama della narrativa: bravi, anche, a interagire con la parte illustrata dei testi (a cura di Cristiano Catalini), che rivela la volontà della collana di offrire al lettore esigente effetti di rimando e di scoperta tra la parola e l’immagine.

 

 

NESSUN AMORE È IMPOSSIBILE di Nicola Barca

La misteriosa scomparsa di un professore scatena dubbi e sospetti tra studenti, docenti e genitori. La polizia indaga; anche Tina e altri compagni di scuola seguono tracce apparentemente scollegate. Chi è la ragazza che è stata vista con il professore poco prima che sparisse? Cosa contiene il manoscritto chiuso nella cassaforte della preside? E un medaglione può svelare più di quello che appare? Scopriremo se di questo labirinto di binari e cubicoli abbandonati un amore impossibile può essere la via d’uscita.

 

Nicola Barca, nato a Milano, si è laureato in Economia Aziendale alla Bocconi, si occupa di risorse umane e controllo di gestione. A febbraio 2017 è stata pubblicata la sua prima opera: Acerbo e altri racconti, Luoghinteriori Edizioni. Nel buio, settembre 2017, segna invece il suo esordio nella letteratura per ragazzi.

 

L’AMICO VIRTUALE di Silvia Di Giacomo

È estate nel periferico quartiere Cassio e Maya è sparita da tre giorni. Altre ragazzine prima di lei sono scomparse nel nulla. Martina, Tommy e Andrei cercano la loro amica, ma hanno un segreto: un cellulare misterioso e uno sconosciuto amico virtuale. E’ opera di un rapitore seriale? I segreti di Cassio verranno svelati? E Maya farà mai ritorno a casa?

 

Silvia Di Giacomo, classe 1974, vive e lavora come gemmologa a Bologna. Esordisce nel 2015 con il racconto Autoritratto all’inferno pubblicato sull’antologia Cadute, edita da Fernandel. A ottobre 2017 esce il suo romanzo di esordio Lo stato di Dio, pubblicato da Foschi Editore. A gennaio 2018 partecipa all’antologia Tempo, pubblicata da Clown Bianco Editore. Sempre nel 2018 partecipa all’antologia Blu, Clown Bianco Editore.

 

LA FUGA di Davide Di Lodovico

La storia si apre attorno a due figure, Patty e Maurice, il cui intreccio di destini costituirà (assieme alla musica rock) il filo conduttore del romanzo. Innamorati sin da giovanissimi e molto legati a seguito della prematura scomparsa dei genitori di lei, li troviamo dopo qualche anno e qualche pagina molto distanti, anche umanamente. Intanto altri personaggi entrano in scena: i Bumday, gruppo rock del momento, guidati dal formidabile quanto tormentato frontman Martin Shine, e Stefan, amico di sempre di Maurice, nonché suo socio in affari. I due sono tra i più apprezzati fotoreporter musicali del mondo ma Stefan, per via del loro lavoro, deve essersi andato a ficcare in qualche grosso pasticcio…

 

Davide Di Lodovico è nato a Pescara nel 1968. Si occupa da anni di editoria, sia come autore che come editor; ha scritto numerosi testi, in prosa e in versi, sia per bambini che per adulti.

 

SHOEFITI di Caterina Falconi

Uno psicopatico che rapisce le nonne si aggira in un paese della campagna abruzzese. Firma i suoi crimini appendendo le pantofole delle vittime ai lampioni e ai cavi della luce. La polizia brancola nel buio. Ma i liceali Greta e Tanto decidono di investigare…

 

Caterina Falconi è laureata in Filosofia. È autrice di romanzi, racconti e testi per bambini. Per la Lisciani ha collaborato alla sceneggiatura del cartoon Carotina Super Bip e ha scritto, assieme a Gianluca Morozzi, E invece SÌ. 55 racconti di coraggio, di idee, di passioni, illustrato da Carmine Di Giandomenico.

 

 

 

GLI IRREGOLARI DI SALITA SOSPIRO

Il club degli irregolari di Salita Sospiro è un gruppo di amici, ex compagni di scuola delle medie e ora al primo anno di liceo divisi tra diverse scuole. A legarli, oltre a una profonda e sincera amicizia, è la passione comune per il mondo del giallo, dei crimini e delle indagini, dei grandi delitti del passato. Tutti i giorni si vedono in una casa su un albero, in un campetto proprio all’inizio di Salita Sospiro, un posto sicuro anche per sfuggire ai bulli che li tormentano. Ma quando la signorina Forteamore, la loro amatissima professoressa di italiano delle medie, scompare, gli Irregolari di Salita Sospiro passano dal gioco alla realtà. Con tutti i rischi che comporta un’indagine nello spietato mondo degli adulti che stanno imparando a conoscere.

 

Alessio Romano è nato a Pescara nel 1978. Insegna scrittura creativa ed è un instancabile viaggiatore. Ha pubblicato i romanzi: Paradise for All (Fazi, 2005 e poi Bompiani 2015); Solo sigari quando è festa (Bompiani, 2015); D’amore e baccalà (EDT, 2018). Ha curato l’antologia di racconti Gli Stonati (NEO, 2017), e il volume fotografico Una stanza tutta per loro (Avagliano, 2018).

 

Continua a leggere

Mondo

Google sospende affari con Huawei, terremoto nel marcato smartphone

L’azienda statunitense Alphabet Inc, di Google, ha sospeso il suoi affari commerciali con Huawei. le versioni future di smartphone con un sistema operativo Android perderanno l’accesso a popolari servizi Google.

Giulia Marilungo

Pubblicato

il

L’azienda statunitense Alphabet Inc, guidata dai due fondatori di Google con sede in California, ha sospeso il suoi affari commerciali con Huawei. Lo dichiara una fonte dell’agenzia di stampa Reuters. La compagnia Cinese era stata di recente inserita nella blacklist del governo americano, che vietava l’uso dei suoi prodotti per questioni di sicurezza nazionale.

Huawei è attualmente il secondo produttore di smartphone al mondo (al primo posto la Samsung). Producendo dispositivi dell’Android, un sistema operativo di Google, ora deve trovare in tutti i modi una soluzione per scongiurare il terremoto nel mercato dei telefoni cellulari.

Chi attualmente possiede un Huawei con app della Google potrà però continuare ad usarle e ad aggiornarle. Non sarà però più possibile aggiornare il sistema operativo lasciando gli smartphone con software più obsoleti e quindi maggiormente esposti a rischi. Invece le versioni future di smartphone Huawei che hanno un sistema operativo Android perderanno l’accesso a popolari servizi come Gmail, YouTube e Google Play.

“Huawei potrà solamente usare la versione pubblica di Android e non sarà in grado di accedere ai servizi Google” ha affermato la stessa fonte. Con questa versione di Android, i prodotti Huawei sarebbero accomunati ad altri di minori aziende di produzione cinese e probabilmente perderebbero molti consumatori.

Alle tensioni tra Pechino e Washington date dal braccio di ferro sui dazi, si aggiungono le decisioni prese dalle aziende produttrici di chip e microchip. Queste infatti si sono allineate a Trump, come riportato dall’agenzia Bloomberg. Intel Corp, Qualcomm Inc, Xilinx Inc e Broadcom Inc hanno già comunicato ai propri dipendenti che smetteranno di rifornire la Huawei finché non ci saranno nuove disposizioni da parte del governo.

Continua a leggere

Cronaca

Amazon, tecnologia italiana nei magazzini sostituisce i dipendenti

Amazon vuole introdurre nuovi macchinari per l’imballaggio che sostituirebbero migliaia di dipendenti.

Giulia Marilungo

Pubblicato

il

Il colosso di acquisti online  Amazon, sta introducendo nei propri magazzini delle macchine che prenderanno il posto di migliaglia di dipendenti. Il lavoro in questione sarebbe quello di impacchettare gli ordini dei clienti.

Recentemente l’azienda aveva introdotto in alcuni dei suoi magazzini una tecnologia in grado di scansionare la merce e impacchettarla succesivamente in scatole predefinite. Ora Amazon sta considerando di espandere questa tecnologia istallando due macchinari in 55 depositi, sostituendo il lavoro di 24 impiegati per ogni magazzino. Il taglio di lavoratori ammonterebbe a 1300.

“Stiamo sperimentando questa tecnologia con l’obbiettivo di aumentare la sicurezza, velocizzare la consegna e accrescere l’efficienza del nostro network” ha affermato un portavoce di Amazon.

Le macchine, conosciute con il nome di CartonWrap, sono create dalla compagnia italiana CMC Srl, un’azienda famigliare nata nel 1980 a Città di Castello ( in provincia di Perugia, Umbria). Questa tecnologia ha la capacità di produrre dalle 600 alle 700 scatole all’ora.

L’azienda non ha rilasciato commenti riguardo la decisione di Amazon.

Le macchine hanno bisogno di un operaio che carichi gli ordini dei clienti, uno che si occupi di assemblare le scatole di cartone e un tecnico che provveda a risolvere eventuali problematiche.

Amazon spiega come in futuro quando verrano impiegate queste tecnologie invece di licenziare parte del personale, smetteranno di assumere dipendenti per il ruolo d’imballaggio. I dipendenti a lavoro invece saranno specializzati in nuovi settori. Ad esempio il risparmio ottenuto con queste nuove tecnologie sarà investito in servizi innovativi per i clienti.



Continua a leggere

Primo Piano