Qui Italia

Il meglio del made in Italy

Ungheria, da un lato c’è la “realtà” dei media, dall’altro c’è la realtà vera

Il Premier dell'Ungheria Viktor Orbán

Viktor Orbán

Per giorni il cosiddetto “quarto potere” ha sfornato titoli sulle (presunte) difficoltà del Premier Orbán: che invece alla prova delle urne è stato riconfermato con una maggioranza, ancora una volta, schiacciante

Da www.romait.it

Test per l’esame di giornalismo sulle elezioni legislative appena tenutesi in Ungheria e da molti considerate una sorta di referendum sul Premier Viktor Orbán. Il candidato consideri i seguenti titoli, tutti sfornati nell’ultima settimana prima dell’apertura delle urne magiare, la scorsa domenica 3 aprile:

Il Premier dell'Ungheria Viktor Orbán
Viktor Orbán

a) «L’Ungheria si prepara al voto del 3 aprile: testa a testa tra Orbán e l’opposizione unita» (Eunews, 31 marzo).

b) «Il brivido di suspense di Orban alle elezioni di domenica» (AGI, 1° aprile).

c) «In Ungheria Viktor Orbán si gioca la rielezione sull’onda della guerra» (Internazionale, 1° aprile).

d) «Ungheria al voto, prime elezioni incerte per Orban» (ANSA, 3 aprile).

e) «Ungheria al voto: Orban forte sui media e nelle aree rurali, “ma su Putin ha diviso il Paese». L’opposizione si è unita: “Possiamo batterlo”» (Il Fatto Quotidiano, 3 aprile).

f) «Ungheria al voto, per Orbán riconferma a rischio dopo 12 anni: opposizione unita per la svolta» (Il Riformista, 3 aprile).

g) «Si vota in Ungheria, e Orbán rischia» (Il Post, 3 aprile).

I veri risultati delle elezioni legislative in Ungheria

Ora il candidato consideri quest’altro titolo, ritoccato in corso d’opera ma sostanzialmente confermato, come riferisce LaPresse, al termine dello spoglio:

h)«Elezioni in Ungheria, i primi risultati: Orban vince con il 53%, al rivale il 35%» (Corriere della Sera, aggiornamento del 4 aprile).

Ciò posto, il candidato ha dieci secondi per valutare, prescindendo da espressioni “riacesi”, se i media non stessero descrivendo la realtà, ma solamente i propri desiderata.