Contattaci

Politica

Processo Salvini, dal Pd dopo il danno anche la beffa

I dem disertano il voto in Giunta per le immunità, terrorizzati dai contraccolpi sulle Regionali in Emilia-Romagna. Ma per Zingaretti è il Capitano che “fa uso politico della giustizia”

Pubblicato

il

consultazioni: caso gregoretti
La nave Gregoretti. Foto dal sito de LaPresse

Test per l’esame di giornalismo. Il candidato consideri i seguenti fatti e le seguenti dichiarazioni inerenti la sconcertante pantomima inscenata nella Giunta per le immunità di Palazzo Madama, che sul caso Gregoretti ha avallato il processo contro il leader leghista Matteo Salvini con i soli voti favorevoli dei senatori del Carroccio – e l’assenza dei membri della maggioranza rosso-gialla:

a) «È arrivata la richiesta della maggioranza: rinviare la data del voto. Non più il 20 gennaio. L’obiettivo è far scattare la decisione della giunta solo dopo le elezioni regionali in Emilia-Romagna e Calabria» (Repubblica, 9 gennaio).

b) «La maggioranza non vuole quel voto il 20 gennaio, a sei giorni dalle elezioni regionali […] Il leader leghista sognava di immolarsi e costruirci il rush finale della campagna: da vittima della giustizia sacrificato sull’altare della difesa dei confini» (Repubblica, 9 gennaio).

c) «Se non è un processo politico, perché la maggioranza vuole rinviare il voto a dopo le elezioni regionali in Emilia-Romagna? Cosa c’entrano? Lo sanno benissimo che il popolo sta con lui e potrebbe indispettirsi per un voto contro Salvini» (il vicesegretario della Lega, Giancarlo Giorgetti, 16 gennaio).

d) Il Capitano «vuole soltanto apparire e gioca a fare l’eroe: o l’eroe mandato a processo dalla sinistra o addirittura dai suoi colleghi della Lega» (il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, 20 gennaio).

e) «Ho scoperto che quelli del Pd aspettavano di darmi del delinquente dopo le elezioni in Emilia-Romagna. Troppo comodi» (Matteo Salvini, 20 gennaio).

Ciò posto, il candidato commenti, prescindendo da espressioni quali “Trattamento Sanitario Obbligatorio”, la seguente amenità del segretario dem Nicola Zingaretti: «Salvini ancora una volta fa uso politico della giustizia».

Mirko Ciminiello è nato a Rimini nel 1985 e vive a Roma, dove si è laureato in Chimica (triennale) e Chimica Organica e Biomolecolare (specialistica) alla Sapienza, in Scienze della Comunicazione (triennale) e Scienze Cognitive della Comunicazione e dell'Azione (magistrale) a Roma Tre. Giornalista, attore per hobby, collabora con l'associazione Pro Vita e Famiglia ed è autore di 9 libri, di cui due in inglese.