Contattaci

Economia

“Strategie per l’Italia” la proposta del progetto organizzato dal Messaggero

Pubblicato

il

La situazione in Italia conseguente le elezioni europee, non ha chiarito nulla, al contrario ha reso più difficoltose le strategie di rilancio nell’economia. Anche dai rapporti tesi con Bruxelles, e più in generale dal responso dei mercati aprono il quadro di una grande situazione di crisi, da cui l’Italia deve uscire prendendo provvedimenti.

Proprio in merito a questa situazione critica, il Messaggero in collaborazione con l’Abi ha studiato la terza edizione di “Obbligati a Crescere”; nella terza edizione dal titolo Strategie per l’Italia a cinque capi di azienda-manager : Lucia Aleotti, Carlo Cimbri, Claudio Descalzi, Carlo Messina e Marco Tronchetti Provera, sarà affidato il compito di indicare un percorso sostenibile e di ripresa per l’Italia.

«Le politiche di garanzie sociali sono necessarie ma non sufficienti a rilanciare lo sviluppo e l’occupazione», a dichiararlo è stato proprio il presidente dell’Abi Antonio Patuelli.

Il presidente Pautelli ha spiegato come il progetto “Obbligati a crescere” sia ormai una necessità, obbligati appunto a riflettere sugli standard d’efficenza riguardo la produzione in Italia e in Europa.

Due sono le sfide secondo il direttore del messaggero Virman Cusenza , il primo obiettivo che ci si prefigge è di recuperare la crescita, e poi il dialogo con l’Europa per evitare l’eccessivo debito . Nel 2018 è iniziato il decremento e il 2019 non è stato dei migliori come si sperava ha spiegato il direttore del messaggero.

Si spera quindi in una ripresa per il sistema economico e politico in Italia con questo progetto strategico.